Inter, il nuovo attacco anti Juve con Icardi e Belfodil

Calcio

Inter, il nuovo attacco anti Juve con Icardi e Belfodil

La nuova Inter di Walter Mazzarri presenta i suoi nuovi attaccanti. Sono Mauro Icardi e Ishak Belfodil che, in ritiro a Pinzolo, hanno iniziato la peparazione in vista della prossima stagione di campionato con i nuovi compagni di squadra. Argentino di 20 anni l’uno, algerino naturalizzato francese di 21 anni l’altro, Icardi e Belfodil rinforzeranno il reparto d’attacco insieme a Milito e Palacio. Nel corso del loro incontro con la stampa i due giocatori hanno rilasciato alcune interessanti dichiarazioni. Icardi vestirà la maglia numero 9: “L’Inter è una grande squadra per crescere, dopo due anni di Samp è il posto ideale per fare un altro passo in avanti – ha sottolineato – Lo sappiamo tutti che è una delle squadre più forti. Mi ha colpito il lavoro, si lavora bene con lo staff, in queste settimane faremo il massimo per conoscerci e fare un gran campionato. Sogni? Fare bene e vincere il più possibile con questa squadra.

Ho rifiutato il Napoli? Si era avvicinato ma ho scelto l’Inter”. Belfodil sarà invece in campo con la maglia numero 7: “Avevo scelto il 18 per rispetto di Schelotto, poi la società mi ha dato l’ok e non c’è stato problema. Mi ha colpito l’organizzazione, se c’è bisogno di qualcosa c’è sempre un aiuto. E poi mi ha colpito la maglia che mi piace molto. Sogni? Fare bene e basta”.

I due attaccanti hanno anche parlato della Juventus e del fatto che la nuova Inter possa essere in grado di reggere il colpo: “Juve imbattibile? Nessuno lo è, contano i 90 minuti della partita, come abbiamo dimostrato noi della Samp a Torino l’anno scorso – ha detto Icardi – Loro hanno preso Tevez e Llorente che sono campioni fatti e finiti. Hanno vinto tanto. Noi siamo giovani, io spero di vincere come hanno vinto loro”. Belfodil ha aggiunto: “La Juve è favorita ma le altre lavoreranno bene per avvicinarla”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche