Inter: la suggestione Eto’o dura meno di 24 ore COMMENTA  

Inter: la suggestione Eto’o dura meno di 24 ore COMMENTA  

Un illusione durata meno di un giorno, il sogno dei tifosi dell’Inter di rivedere Samuel Eto’o in maglia nerazzurra è già svanito.
Dalla Russia assicurano che il il calciatore non lascerà il campionato sovietico in questa sessione di mercato e che l’incontro avvenuto nel pomeriggio tra il bomber camerunese e il presidente dell’Anzhi, Suleyman Kerimov, è servito per fugare ogni dubbio a riguardo.

Leggi anche: Quanti palloni d’oro ha vinto Cristiano Ronaldo?

Stando a quanto riportato dall’emittente russa NTV, infatti, l’incontro tra l’attaccante e il patron avrebbe avuto esiti positivi per le due parti ma non per le pretendenti del calciatore: il club di Makhachkala avrebbe infatti fornito al camerunese le garanzie finanziarie necessarie a farlo restare almeno un altra stagione, senza dunque alcun ritocco d’ingaggio.

Leggi anche: Data ritiro estivo Inter: Riscone di Brunico e poi USA

Ad avallare ulteriormente tali indiscrezioni le parole dell’agente Fifa Tirri, uomo che cura gli interessi di Eto’o per l’Italia, che alla la redazione di Tuttomercatoweb.com ha rilasciato poche parole, ma significative:”Eto’o è un giocatore dell’Anzhi e il club gli ha fornito tutte le garanzie del caso anche a livello di ingaggio, per cui è difficile che vada via, ed anche nella remota eventualità il giocatore percepisce un ingaggio troppo alto per le società italiane e posso garantire che non se lo ridurrebbe”.
Fine dei sogni dell’Inter quindi, ma anche del Napoli che aveva sondato gli agenti del giocatore per capire la reale situazione del capitano del Anzhi, Eto’o quindi non rientrerà nel nostro campionato ne probabilmente lascerà quello russo.

Vincenzo Margiotta

Leggi anche

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenzevoleva finire il turno
Attualità

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenze

Nasce un bambino disabile perché i medici non hanno voluto fare gli straordinari. La malsanità oggi è all'ordine del giorno in Italia.   Una mamma disperata e traumatizzata di Catania racconta. "Li imploravo di farmi il cesareo, ma loro mi ignoravano. Ora mio figlio è disabile e non so ancora un giorno potrà parlare e camminare, non so nemmeno se sente la mia voce". La donna doveva partorire e i medici le hanno negato il parto cesareo per evitare lo straordinario e poter così ritornare a casa. La donna oggi, a distanza di un anno e mezzo dalla nascita del suo bambino, chiede Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*