Inter-Palermo 4-4: il pagellone COMMENTA  

Inter-Palermo 4-4: il pagellone COMMENTA  

Wesley Snejider
Wesley Snejider

Julio Cesar 5.5: stavolta non è la consueta sicurezza. Soprattutto sulla quarta rete di Miccoli, si fa cogliere impreparato e piazzato non proprio alla perfezione:
Maicon 6: spinge come di consueto, ma lascia completamente sguarnita la fascia in una serata in cui la difesa entra immediatamente in grande sofferenza;
Lucio 5: come era successo già a Lecce, non riesce mai a dare una impressione di sicurezza, confermando di non essere nel suo miglior momento;
Ranocchia 5: non è proprio la sua serata e si vede subito.

Ogni volta che il Palermo viene avanti, entra in difficoltà e non riesce ad aiutare Lucio, anche lui in confusione;
Nagatomo 6: prova ad arrembare, ma i risultati non sono mai pari all’impegno;
Zanetti 5,5: stavolta la sua generosità serve a poco, in quanto il centrocampo interista viene ripetutamente saltato da quello avversario, senza mai riuscire a far diga, con conseguenze disastrose per la difesa;
Cambiasso 5,5: anche per lui vale lo stesso discorso di Zanetti.

Prova a opporre resistenza di fronte alle folate rosanero, ma inutilmente;
Poli 6: uno dei meno colpevoli. Fa legna in mezzo al campo e riesce ad abbinare anche un minimo di qualità alla quantità, lui che pure dovrebbe avere meno frecce al suo arco rispetto ai più blasonati compagni (64′ Palombo 6: riesce a calarsi subito nella contesa e a fornire qualche sprazzo che fa ben sperare per il futuro);
Sneijder 6: ci mette la qualità, che di certo non gli manca, ma i risultati sono altalenanti.

Naturalmente, non gli si può chiedere di andare in copertura e quando Ranieri reputa necessario rinforzare la cerniera di centrocampo, viene sostituito, mostrando platealmente di non gradire (67′ Obi 5,5: cerca di dare una mano ai compagni di reparto, ma i risultati non sono pari alla generosità profusa);
Pazzini 5: una serata storta che diventa ancora più evidente a confronto con la grandiosa prestazione di Milito;
Milito 9: ogni volta che una palla passa dalle sue parti, la butta dentro, peccato che non ne arrivi qualcuna in più.

L'articolo prosegue subito dopo

Un giocatore totalmente ritrovato (87′ Zarate s.v.).

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*