Inter, quale mercato con Thohir? COMMENTA  

Inter, quale mercato con Thohir? COMMENTA  

Grande sorpresa nella serata di ieri per i tifosi dell’Inter, inaspettatamente a Milano è sbarcato Erick Thohir. Il brillante indonesiano era atteso nel capoluogo lombardo entro la fine del mese, il suo arrivo in anticipo rispetto alle previsioni può essere interpretato come un segnale di impazienza, un segnale che secondo molti potrebbe anche cambiare quelle che sono le prospettive del mercato interista, da qui al 2 settembre, giorno di chiusura delle trattative.
C’è già un precedente storico che potrebbe ricordare l’attuale situazione in casa Inter, nel 2008 lo sceicco Mansur acquistò il Manchester City appena 2 giorni prima della chiusura del mercato, in poche ora i dirigenti del club investirono una cifra di oltre 50 milioni di euro, acquistando Bojinov (20 milioni) e Robinho (37 milioni), a posteriori non proprio due affaroni, un precedente da prender in considerazione per capire che in questi frangenti la fretta può esser cattiva consigliera.

In ogni caso l’allora situazione creatasi in casa City è per lo meno differente da quella attuale dell’Inter, per due motivi; il primo perchè anche chiudendo la trattativa per l’acquisizione del club in tempi brevi, il ricco indonesiano non diventerebbe proprietario dell’intero pacchetto societario del club ma almeno il 25% resterebbe della famiglia Moratti, il secondo motivo è il modo gestionale che Thohir vuole intraprendere, totalmente differente da quello degli sceicchi “spendaccioni”, ma più equilibrato dal punto di vista economico e maggiormente orientato all’acquisizione di giovani talenti, piuttosto che del campione fatto e finito, insomma l’Inter di Thohir guarderà a progetti come quelli di Arsenal e Borussia Dortmund, non certamente ai modelli Manchester City e Psg.

Che Thohir entri subito in società o meno il mercato dell’Inter, quindi, non cambierà; gli obiettivi resteranno sempre l’esterno e il mediano chiesti da Mazzarri, Isla e Taider restano i primi della lista, ed eventualmente una punta, se dovesse esserci l’opportunità di far un affare di fine mercato, vedi Osvaldo.

Vincenzo Margiotta

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*