Inter, via Fassone sarà Bolingbroke l’uomo mercato dei nerazzurri

Calcio

Inter, via Fassone sarà Bolingbroke l’uomo mercato dei nerazzurri

Marco Fassone è stato costretto ad abbandonare il ruolo di direttore generale dell’Inter, stando ad una indiscrezione riportata dalla Gazzetta dello Sport. Sarebbe stato lo stesso Michael Bolingbroke, l’amministratore delegato attuale, che si occuperà della direzione generale, a comunicare il sollevamento dell’incarico di Fassone, e il proprio ingresso come nuovo direttore generale.

Novità in vista anche per l’ex capitano e bandiera dell’Inter, Javier Zanetti, attuale vicepresidente, che a breve potrebbe assumere un ruolo nevralgico nella gestione della società nerazzurra.

Novità in tema di assetto dirigenziale potrebbero riguardare anche l’ex team manager Ivan Ramiro Cordoba, che potrebbe tornare presto a dirigere il club. Il colombiano sta studiando per diventare nuovo direttore sportivo, e non è escluso che il futuro uomo-mercato dell’Inter non possa diventare proprio lui.

Fassone è stato sollevato dall’incarico nonostante un contratto che lo legherebbe al club nerazzurro ancora per un anno.

La prima mossa di mercato di Bolingbroke sarebbe proprio il rinnovo di contratto dell’ex calciatore del Porto, Fredy Guarin, uomo-derby, e legato al club nerazzurro da un contratto in scadenza nel 2017. Secondo la Gazzetta dello Sport, in questi giorni, l’Inter rinnoverà il contratto al giocatore fino al 2019 con ritocco verso alto dell’attuale stipendio da 2.8 milioni di euro netti a stagione.

Una mossa che mira a cementare ancora di più lo zoccolo duro dei pezzi da novanta del club nerazzurro, che vuole tornare grande in Italia e in Europa, e che ha iniziato il campionato alla grande, cogliendo tre successi in altrettante gare, guidando da sola la classifica della massima serie.

Intanto il centrocampista Felipe Melo, fra i protagonisti assoluti del derby, è intervenuto in conferenza stampa, per parlare dei propri obiettivi stagionali: ‘Voglio vincere sempre. L’Inter mi paga per essere cattivo e professionista. Il mio soprannome? Me ne danno tanti. Comandante non mi dispiace, visto che guido il centrocampo credo sia azzeccato’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...