Consip, Il Fatto: Renzi esorta il padre a dire la verità sulla vicenda

Consip, Il Fatto: Renzi esorta il padre a dire la verità sulla vicenda

News

Consip, Il Fatto: Renzi esorta il padre a dire la verità sulla vicenda

renzi

L’intercettazione risale al 2 marzo ovvero alla vigilia della convocazione di Tiziano Renzi in procura, nell'ambito della vicenda Consip

Il ‘Fatto quotidiano’ pubblica le intercettazioni tra l’ex premier Matteo Renzi e il padre Tiziano.

In un post pubblicato su Facebook Matteo Renzi scrive: “Politicamente le intercettazioni mi fanno un regalo. La pubblicazione è come sempre illegittima. Ma non ho alcun titolo per lamentarmi: non sono il primo a passare da questa gogna mediatica. Anzi: ad altri è andata peggio. Qualcuno si è tolto la vita, qualcuno ci ha rimesso il lavoro”.

L’intercettazione risale al 2 marzo ovvero la vigilia della convocazione di Tiziano Renzi in procura, nell’ambito della vicenda Consip dove il padre dell’ex premier è indagato per traffico di influenze con Carlo Russo. Ricordiamo che la storia dell’intero broglio è riportato nel libro ‘Di padre in figlio’ del giornalista Marco Lillo.

In tali chiamate il figlio cerca di convincere il padre a riportare ai magistrati tutta la verità: “Babbo, questo non è un gioco, devi dire la verità, solo la verità... È una cosa molto seria…Devi ricordarti tutti gli incontri e i luoghi”.

E ancora: “Devi dire nomi e cognomi“, “Mazzei è l’unico che conosco anche io…È vero che hai fatto una cena con Romeo?” La risposta di Tiziano Renzi è negativa, riferiscono i carabinieri, nel brogliaccio dell’intercettazione non ricorda tutti i bar e le cene.

Secondo quanto ricostruito dal giornalista Lillo, Matteo Renzi rincara la dose “Non ti credo e devi immaginarti cosa può pensare il magistrato…Andrai a processo, ci vorranno tre anni e io lascerò le primarie…non puoi dire bugie o non mi ricordo e devi ricordarti che non è un gioco.

“Chi ha sbagliato pagherà fino all’ultimo centesimo, comunque si chiami…Possono costruire scandali o pubblicare prove false quanto vogliono. Noi crediamo nella giustizia. Ci fidiamo delle istituzioni italiane”. Con queste parole il segretario uscente del Partito democratico conclude il post su Facebook.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche