Intervista a Franca kodi

Donna

Intervista a Franca kodi

Abbiamo incontrato Franca kodi autrice del libro”Lei, quando la violenza è al femminile” e protagonista a teatro con “Una bambina nata porno”, la quale ci ha raccontato le sensazioni nell’ essere stata una bambina vittima di abusi, il percorso del dolore e la conseguente professione da pornodiva, quasi come forma di autopunizione.

Quando ha iniziato a scrivere il libro, e sopratutto da cosa è stata spinta la stesura di questo testo?

Dall’ esperienza che stavo vivendo , la presa di coscienza dell’abuso è stata tardiva. Da quel momento in poi mentre facevo il mio lavoro delle telefonate erotiche con l’899, affioravano i ricordi, terribili e nitidi.

Perché ha deciso di rappresentare e proporre il testo attraverso questo monologo?

Per veicolare l’argomento e il libro. In italia sono pochissimi i testi che parlano di abuso sessuale materno sulla figlia femmina.

Quali sono le aspettative nel denunciare un tema così forte nei confronti del pubblico?

Che mi ascoltino e non mettano la testa sotto la sabbia e se possibile una maggiore attenzione all’interno dei nuclei famigliari dove ogni minuto si consumano dei crimini nei confronti dei bambini.

Ha provato imbarazzo a interpretare un personaggio sessualmente molto forte?

No perché quel personaggio sono io, io oggi sono una porno star che da bambina nella prima infanzia è stata ripetutamente abusata dalla propria madre.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche