Intolleranti al lattosio. Dire no al latte COMMENTA  

Intolleranti al lattosio. Dire no al latte COMMENTA  

Tutta la mia vita ho mangiato burro, crema di latte, formaggio, panna, cioccolato e gelato. Immaginate il mio orrore nel sentire dopo un esame ordinario del sangue che ero intollerante al lattosio.


La mia giornata iniziava con una tazza di tè al latte, una tazza di cereali con il latte e mangiavo i biscotti al cioccolato con il mio tè a pausa di metà mattina. Una delizia settimanale di torta alla crema o una grande fetta di torta al formaggio non era fuori questione. E una barretta di cioccolato era lo snack perfetto per il ritorno a casa dal lavoro. Un’estate intera senza il gelato? A che cosa stava pensando il dottore?

Per molto tempo ho avuto i problemi con lo stomaco. Ogni tanto quando stavo male o ero gonfio non riuscivo a fissare i miei vestiti. Nulla avrebbe portato sollievo. Ho anche avuto delle piccole macchie rosse sulla pancia. Non è un’eruzione cutanea, solo piccoli punti rossi come le bolle di sangue. A volte c’erano tantissimi e mi prudevano, invece altre volte non c’erano quasi per niente. Ho iniziato a notare che ci sono stati di più quando mangiavo il formaggio, ma pensavo che non era niente. Una bevanda di latte durante la notte e il ciclo di prurito partiva. Forse c’era qualcosa in quello che ha detto il dottore.

Ho cominciato a bere più acqua e tè alla frutta (era strano vedere l’acqua colorata rispetto alla mia solita tazza di tè), ma ho cominciato a godermi il gusto. La mia famiglia mi incoraggiava a bere più acqua e bevande alla frutta. Abbiamo pensato tutti che sarei stato bene con il caffè e non con i derivati dal latte, ma anche quello conteneva il latte e il fatto che avevo il gonfiore allo stomaco. Controllare gli ingredienti sulle confezioni per il latte o lattosio entrò a far parte dei nostri viaggi dello shopping.. Ovviamente la sezione lattiero-caseari era fuori come erano dolci e biscotti, cioccolato e alcuni snack salati. Non più pizza, lasagne, toast al formaggio o salse cremose. Ho dovuto cambiare la mia alimentazione e abitudini di bere.

Ho imparato a mangiare insalate senza maionese, invece di usare l’aceto o limone come condimento. Mangiare più riso invece di patate con la crema di panna acida. Torta al cioccolato e panna montata sono state sostituite dalla frutta e gelatina.

L'articolo prosegue subito dopo

Lentamente le cose sono migliorate. Il mio livello di energia è aumentato, e ho cominciato a sentirmi meglio. La mia pelle aveva un aspetto sano, i miei capelli erano meno grassi, e non sentivo più la stanchezza a metà giornata. Il mio corpo stava rispondendo a questo cibo diverso, ed i miei vestiti hanno iniziato a scomparire. Ho controllato il mio peso e avevo perso 10 chili. Wow!
Una nuova persona felice stava emergendo, una persona di fiducia che voleva godersi la vita di nuovo. Ho provato il latte senza lattosio, e nel corso di un mese, mi sono abituato al gusto. Posso bere ancora il tè con il latte, ma quando esco, ordino una limonata al posto di latte. Quando ordino una zuppa e sandwich, mi ricordo di dire al cameriere di lasciare fuori il formaggio. Dolci è un passo avanti. A merenda godo solo la dolcezza della frutta fresca. Con l’aiuto della mia famiglia, ho guadagnato tutto questo e amo la mia nuova figura: 30 chili persi e sentirsi bene.

Le macchie sulla mia pancia vanno e vengono, di solito mi fanno la guardia, un richiamo di essere a conoscenza di quello che mangio.

L’intolleranza al lattosio non è più l’obiettivo principale del mio giorno , è una parte della mia vita come indossare gli occhiali per vedere bene.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*