Intolleranza al lattosio? Ecco come riconoscerla

Salute

Intolleranza al lattosio? Ecco come riconoscerla

Intolleranza al lattosio? Ecco come riconoscerla
Intolleranza al lattosio? Ecco come riconoscerla

L’intolleranza al lattosio è il malese cronico legato, all’ingestione di alimenti a base di latte. Questa è causata dalla carenza di lattasi.

L’intolleranza al lattosio è una delle intolleranze alimentari più diffuse, è anche una delle più difficili da gestire. Questa intolleranza, comprende l’insieme dei sintomi che si possono presentare nell’incapacità di digerire il lattosio. Questo è causato dalla carenza di lattasi, l’enzima che ha la funzione di digerire il lattosio.

Nel caso in cui, il nostro organismo fosse incapace di digerire il lattosio, i sintomi più evidenti da saper conoscere interessano l’apparato gastrointestinale. Questi, possono essere legati all’apparato gastrointestinale. L’intolleranza al lattosio può essere legata a diversi fattori, quando si assumono latticini, quali: dolori e crampi addominali; gonfiore frequente e tensione a livello intestinale; aumento anomalo della peristalsi intestinale; il meteorismo e la flatulenza.

Esistono diversi diagnosi per la patologia, infatti, bisogna tenere presente le allergie alle proteine del cibo. Queste allergie, in particolare quelle a latte e grano, possono portare all’intolleranza al lattosio. Importante è il Breath Test, il test del respiro. Questo test ha un meccanismo semplice, infatti, il malassorbimento del lattosio causa la fermentazione dello zucchero e della flora batterica. Questo causa la produzione di idrogeno che viene assorbito nel sangue ed eliminato dai polmoni. Il test è altamente specifico, facile e di costo contenuto ed è la prima scelta nella diagnosi all’intolleranza al lattosio.

La soluzione all’intolleranza è seguire un terapia giusta. Questa terapia, si basa su una dieta che porta ad eliminare la fonte del malessere. La dieta quindi porterà a ridurre o a cancellare progressivamente, gli alimenti che comprendono il lattosio.

I primi cibi che vanno eliminati sono quelli ad alto contenuto di lattosio, il latte, i formaggi freschi e lo yogurt. L’eliminazione di questi alimenti non significa togliere del tutto alcuni sapori. Infatti, il latte e i latticini, possono essere sostituiti con i prodotti senza lattosio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...