Invita una donna a fare sesso, ma poi la narcotizza: “volevo una persona da abbracciare”

Style

Invita una donna a fare sesso, ma poi la narcotizza: “volevo una persona da abbracciare”

Avrebbe dovuto essere un appuntamento a luci rosse. Lui, un 55enne italiano, conosce lei in una chat erotica e le dà appuntamento nel monolocale di un amico. Ma dopo i massaggi iniziali, il rapporto non sarebbe stato consumato. L’uomo avrebbe narcotizzato la vittima, facendola dormire per 30 ore consecutive. È accaduto a Bologna.

Quando la donna si è risvegliata, in stato confusionale, ha denunciato l’accaduto ai carabinieri che hanno rintracciato l’uomo, ora sottoposto agli arresti domiciliari con l’accusa di stato di incapacità procurato mediante violenza e rapina aggravata. Il provvedimento cautelare, emesso dal Gip Alberto Gamberini, scaturisce dalla richiesta avanzata dal pm di Bologna Simone Purgato che ha coordinato l’inchiesta dei carabinieri partita ad agosto scorso. La donna, è una 36enne che aveva conosciuto l’uomo il 30 luglio su un sito internet di annunci erotici.

Dopo un approccio telematico, nel quale lei si era resa disponibile a consumare un rapporto sessuale, l’uomo le aveva dato appuntamento per il giorno seguente.

Alle 22 del 31 luglio, la 36enne si è presentata nel monolocale, decisa a consumare il rapporto sessuale in cambio di 80 euro. Dopo i primi convenevoli, l’uomo le ha offerto un drink e ha cominciato a massaggiarla.

Trascorsi alcuni minuti, la donna ha perso conoscenza e si è risvegliata alle 4,30 del 2 agosto, dopo circa 30 ore, sola, confusa e non più in possesso degli 80 euro che aveva ricevuto due sere prima. Benché la ragione dell’incontro fosse di natura sessuale, non risulta che sia stato consumato alcun tipo di rapporto. Il 55enne, appassionato di massaggi, avrebbe ammesso di aver narcotizzato la vittima: “Volevo una persona da abbracciare”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche