Io? Competitivo? Non posso farne a meno – Ho quasi 50 anni COMMENTA  

Io? Competitivo? Non posso farne a meno – Ho quasi 50 anni COMMENTA  

Una cosa divertente è accaduta l’altro giorno quando ero a giocare a calcio. Sono entrato in una sfida con un giocatore e lui è uscito con un dente scheggiato. A quanto pare il mio gomito è stata sollevato. Il fatto è che lavora con me. Si potrebbe dire che era più giovane, montatore, migliore versione di me stesso – un nuovo Porsche, rispetto alla mia Cortina.


Quando siamo arrivati ​​in ufficio, ho avuto un sacco di sguardi divertenti da parte dei colleghi. “Hai rotto il dente a Patrizio!” “Cosa hai posseduto?” C’era anche una voce che avevo rotto la mascella. I miei colleghi hanno fatto il collegamento tra la nostra linea di lavoro, la sua giovane età, ecc.


Sono sempre stato orgoglioso della mia mancanza di competitività, la mia spensieratezza. Ora, mentre mi avvicino al mio 50° anno sto iniziando a realizzare ciò che sono stato un idiota. Anche questo orgoglio per la mia mancanza di competitività è stato competitivo.


Gli psicologi americani dell’Università dell’Oregon hanno appena rivelato che tra i 45 e 54 anni, gli uomini sono più competitivi. Ai partecipanti nella sua ricerca è stato chiesto di risolvere equazioni matematiche, da soli o testa a testa con un rivale. Quasi il 70% delle persone di età compresa tra i 45 e i 54 anni ha voluto un avversario, mentre solo la metà di quelli tra i 25 e i 34 anni l’ha voluto. Più vecchi, più grassi, più stupidi diventiamo, tanto più sentiamo di dover provare noi stessi. Quindi, corro ossessivamente, guardo la mia pancia. Quando esco con colleghi più giovani, c’è un po ‘di me che vuole essere in grado di bere di più e vomito. Anche le mie figlie mi hanno detto che in questi giorni devo avere l’ultima parola sugli argomenti. Mi ritrovo a passare attraverso i compiti, e dicendo cose terribili, come “Che cosa sanno gli insegnanti? Ascoltami”, quando non ho la più pallida idea.

L'articolo prosegue subito dopo


Eppure, almeno io non sono così male come il mio capo, che fa l’allenamento all’ora di pranzo. Quando mi vede andare a correre, lui sorride, mi chiama una femminuccia e dice che sta facendo esercizio fisico reale. Patetico. Non dovevo mai farlo. Beh, non da quando l’ho provato, ho trovato che era più debole sotto ogni aspetto, e giurato di non essere visto in pantaloncini con lui.

Il meno che possiamo raggiungere, tanto più lo vogliamo.

Calvo, curvo, panciuto, uno straniero di pelle di bufalo, tristemente consapevole che il mio picco sessuale era 31 anni fa, superato da mia figlia di sei anni quando si corre per il bus, so che, a 49 anno, sono sul digradano del sagathon che finirà con la morte. Quindi è bene sapere che vi è un settore in cui non ho ancora raggiunto l’apice. Precedenti ricerche hanno dimostrato che, diminuiscono cortisolo e testosterone, così fanno i livelli di performance cognitiva.

Secondo il rapporto, gli uomini competono senza riguardo per la probabilità di vincita, mentre le donne non sono in concorrenza se non possono vincere. Riconosco questo: le donne sono più razionali degli uomini, però, perché sono competitivo, non posso accettare che la verità.

È questo perché gli uomini sono felici solo quando affermando il loro predominio? Forse. C’è qualcosa di agghiacciante – non è vero? – Agli occhi di Bernie Ecclestone quando appare l’ombra del suo ultimo amore, come se stesse dicendo: non vuoi che la tua ragazza sia attraente come la mia? Al che la risposta maschile competitiva è quello di cambiare le regole: non vorresti essre più alto di me? Nessuno ha detto che la competitività maschile era una bella cosa.

Se non possiamo vincere, ma siamo in grado di inclinare il campo di gioco fino a noi. In questo modo si può essere vincenti anche quando se ci trasformano in sette nani perdenti – ansimante, panciuto, scontroso, strabico.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*