Io mi innamoro ogni giorno

Sesso & Coppia

Io mi innamoro ogni giorno

 

E’ giunto nella grande città con solo una valigia piena di indumenti e di ricordi: fotografie, lettere mai spedite, libri già letti, che l’hanno accompagnato in ogni suo viaggio e che adesso gli fanno compagnia. I suoi occhi sono lucidi, vibrano e si nascondono dietro un calice di vino rosso. Beve a piccoli sorsi, si lecca le labbra, fa grandi sospiri e poi lascia che vi siano lunghi silenzi. Deve ricucire la sua vita fatta a brandelli a causa di un amore andato in rovina. E’ ritornato nella città in cui aveva trovato l’amore, la stessa città che aveva determinato la fine di quest’amore; è tornato per ritrovare l’amore, ma questa volta verso se stesso. Lo sguardo rimane sospeso, sembra guardare nel vuoto, forse guarda qualcosa che noi non riusciamo a vedere. Poi torna a guardare l’altro che siede al tavolo con lui e gli dice: “io mi innamoro ogni giorno e non so se è un bene o un male”.

L’altro rimane senza parole, in ascolto, si aspetta che Davide continui, che aggiunga altro, che gli spieghi cosa voglia dire, ma ancora silenzio.

In realtà non sa se credergli o meno, se sta mentendo o meno, se sta recitando come quando è sul palco o dietro una cinepresa. Forse prova un po’ di invidia per lui: anche lui vorrebbe innamorarsi ogni giorno della vita e di se stesso, lui che crede di aver perso ogni speranza. Lui che crede che sia tutto inutile: solo fumo, solo nebbia, solo silenzio e niente più.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche