Isabella Rossellini e il sesso animale in “Seduce Me”

Bari

Isabella Rossellini e il sesso animale in “Seduce Me”

La vita sessuale delle acciughe, delle anatre, dei serpenti, dei delfini: in una serie di cortometraggi Isabella Rossellini ha messo in scena momenti hard, o quasi, tra animali di ogni specie.
Niente di scandaloso, ha detto all’Observer: tutto e’ all’insegna del divertimento e della leggerezza.
I corti, intitolati Seduce Me (Seducimi), sono stati prodotti dal canale televisivo del Sundance di Robert Redford.
Pensavate di essere i campioni del “famolo strano”?
Evidentemente vi siete un po’ sopravvalutati: non conoscete, infatti, la fantasiosa vita sessuale degli insetti e degli animali marini!
Ma non vi preoccupate! Potrete colmare rapidamente le vostre lacune dando un’occhiata ai divertentissimi mini-documentari pensati e interpretati da Isabella Rossellini; brevi video della durata di pochi minuti, studiati per essere visti sui piccoli display dei cellulari, con immagini semplificate in stile cartoon, al momento solo in inglese.

Tuttavia l’eros proibito degli artropodi non è il vero argomento di questi documentari: concepiti per il Sundance Festival, il loro tema centrale è quello della salvaguardia dell’ambiente costantemente minacciato dalle innumerevoli sostanze chimiche che l’uomo riversa nella natura.

La sopravvivenza di molti animali marini, ma anche di libellule, chiocciole, lombrichi, lucciole e ragni è resa sempre più difficile dall’inquinamento del pianeta che ne pregiudica la normale riproduzione alterando l’equilibrio dell’ecosistema.
Dunque il sesso è un po’ un pretesto perché, come ha ammesso il co-regista e co-produttore Jody Shapiro, il termine “Porno” è una delle parole più cercate nel web e con il titolo “Green Porno” molti navigatori in cerca di tutt’altro potrebbero finire con l’appassionarsi a questo nuovo genere.
Anche la Rossellini d’altra parte sostiene: “Sapevo che la gente non si interessa tanto agli animali, ma tutti si interessano al sesso… e gli animali fanno delle cose tremende!”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*