Isis, continuano le minacce all’Italia COMMENTA  

Isis, continuano le minacce all’Italia COMMENTA  

Il nostro Paese è nel mirino dell’Isis, che continua a diffondere sul web i messaggi terroristici contro tutta l’Europa ed in particolare l’Italia. Un jiadista avverte che se l’Italia entra in guerra contro l’Isis si avranno gravissime ripercussioni, l’azione di spietati lupi solitari potrebbe provocare spargimento di sangue. Le minacce dell’Islamic State sono chiare e mettono i brividi: “Il mare Mediterraneo si colorerà del sangue dei suoi cittadini”. Certo, i media stanno svolgendo un ruolo predominante in questa “espansione della paura”: basta qualche parola lanciata sul web a scatenare un putiferio mediatico.


Il pericolo più temuto a questo punto non è più l’organizzazione strutturata, ma il “jihadista fai da te” che agisce da solo o con un piccolo gruppo alle spalle (vedi Parigi e Copenaghen). L’Italia è ormai nel mirino dell’Isis da quando Roma si è impegnata ad avere un ruolo di primo piano in Libia.

Contro lo stato islamico altri Paesi europei come la Francia sono scesi in campo. Esistono però divergenze violente che si tramutano in scontri anche all’interno del medesimo stato islamico, e ci sono già le prime vittime.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*