Istruttori di Fitness: i nuovi Dottori del Sorriso COMMENTA  

Istruttori di Fitness: i nuovi Dottori del Sorriso COMMENTA  

 Una bellissima frase dice che: lo sport può essere considerato la palestra della vita.

La pratica sportiva consente infatti di attuare processi di socializzazione, identificazione e strutturazione del carattere che rendono cosi possibile la costruzione della propria personalità. Spesso però il concetto di sport è associato al fenomeno dell’ abbandono, ovvero la rinuncia alla pratica sportiva stessa. Da una parte sicuramente a causa di un cambiamento negativo della società e soprattutto dei giovani, manca la voglia l’ interesse e l’ educazione allo sport. Dall’ altra parte, forse a causa di una mancata soddisfazione nello svolgere tale tipo di attività.

Questo, purtroppo, soprattutto per quanto riguarda le palestre. ” Andare in palestra” non è paragonabile a sport veri e propri come la danza, il nuoto, il basket e cosi via, per i quali si è spinti da una vera e propia passione…in palestra, se non ci divertiamo, se non siamo motivati realmente..non ci andiamo…vero?

Ci iscriviamo spinti dal bisogno di perdere quei kg di troppo, nel tentativo di eliminare o anche solo attenuare le fedelissime maniglie dell’ amore…ma anche per scaricare lo stress, esprimere le nostre emozioni ed i nostri pensieri in un’ ora di musica e movimento e forse per fare amicizia, scambiare due parole e una risata senza impegno. Provare a coordinare un braccio ed una gamba opposti, pur essendo totalmente incapaci, ma divertendosi nel tentativo di farlo. Senza distinzione di sesso, età e predisposizione.

Spesso si paga un abbonamento in palestra per poi recarvisi solo un paio di volte al mese perchè sopraggiunge la mancanza di voglia, la noia, perchè la palestra non è in grado di offrirci ciò che cercavamo. Per questo oggi gli istruttori di Fitness sono sempre piu vicini alla figura di ” dottori del sorriso”. Costruiscono con l’ allievo un rapporto speciale, di simpatia e fiducia. Fanno sentire l’ allievo come parte di un qualcosa di piu grande, che va oltre la semplice lezione, danno sostegno e motivazione. Lo fanno divertire senza mai farlo sentire a disagio o fuori luogo, perchè anche se quel passo, quel movimento e quell’ esercizio proprio non riesce a farlo non importa..cio che conta è divertirsi e scaricare lo stress. Diciamo la verità: stare un’ ora in una stanza piena di gente a sudare non è che sia propio il massimo, se poi non ci si diverte neanche allora si che viene da chiedersi ”ma chi me lo ha fatto fare”?

Detto in parole semplici: unire l ‘ utile al dilettevole.

Leggi anche: Quale sport praticare a 40 anni

Creare entusiasmo, affinche l’ appuntamento con la lezione acquisti un senso di competitività con noi stessi, in un momento tutto nostro. Non importa se si tratta di un lezione di aerobica piuttosto che di tonificazione, o una lezione di zumba piuttosto che di ginnastica dolce: fare attività fisica non fa bene solo al nostro apparato muscolo-scheletrico e agli organi interni, migliora anche l’umore, l’autostima e il raggiungimento degli obiettivi.

Leggi anche: Consigli per cominciare a correre

Ogni neurone del nostro cervello può avere diverse migliaia di connessioni con altri neuroni. Da queste connessioni si forma un numero infinito di circuiti nervosi che si traducono in idee, sentimenti, azioni.La trasmissione degli impulsi nervosi avviene attraverso i neurotrasmettitori, sostanze capaci di eccitare il neurone successivo e di far quindi proseguire il segnale.

Per chi avesse ancora dei dubbi, deve sapere che studi scientifici confermano che fare attività fisica in modo constante aumenta la produzione di dopamina, serotonina e endorfine, tre neurotrasmettitori che regolano il nostro stato emotivo, in nostro umore e la nostra capacità relazionale e produttiva.

La dopamina è il principale neurotrasmettitore del cervello emozionale: accende la voglia di fare, di interagire con gli altri, di impegnarsi per conquistare un risultato. I processi emozionali del piacere e della ricompensa sono regolati dalla dopamina così come le gratificazioni legate ai bisogni primari: mangiare, bere, riprodursi. Una scarsa attività della dopamina può avere il suo peso in caso di depressione, al contrario una iperattività conferisce vitalità, gioia di vivere, spirito di competizione. La serotonina è un mediatore nervoso scoperto più recentemente, ha un grande ruolo nella regolazione del ciclo sonno-veglia. E’ fortemente rilassante e anti-depressivo. Interviene nel controllo dell’appetito determinando una precoce comparsa del senso di sazietà. Le endorfine sono dotate di una potente attività analgesica ed eccitante. Intervengono migliorando, tra le altre cose, la percezione del piacere e l’autostima. La loro azione è simile a quella della morfina e di altre sostanze oppiacee. Fare attività fisica, quindi, mette in moto tutta una serie di processi biochimici benefici per migliorare il nostro stile di vita da diversi punti di vista.

L'articolo prosegue subito dopo

Ci sono tante persone che svolgono questo lavoro. Ma sono poche quelle che ci mettono passione ed entusiasmo. Che si svegliano la mattina e vanno ad insegnare con tutta la loro carica, credendo davvero in quel che fanno e con l obiettivo di farvi sentire una persona un pochino più serena…anche se solo per un’ ora. Io li chiamo i Nuovi Dottori del Sorriso.

Un consiglio? Andate in palestra, in una giusta però, fatta di persone che ci credono davvero e vi sentirete più felici.

 Valentina Di Leo

 

Leggi anche

San Nicola Bari: vita e miracoli
Cultura

San Nicola Bari: vita e miracoli

Figura centrale nel campo dell'agiografia, San Nicola di Bari è uno dei santi più amati al mondo e il più importante tra X e XIII sec. Miracoli San Nicola di Bari nasce a Pàtara tra il 261 e il 280. Cresce all'interno del Cristianesimo e perde molto presto i genitori, ereditandone un cospicuo patrimonio. La sua natura caritatevole lo porterà a regalare ai poveri parte di questo e sarà anche all'origine del mito di Santa Claus. Nicola si trasferisce poi a Myra, dove diventa sacerdote e poi vescovo, alla morte del metropolita della città. Nel 305, durante le persecuzioni di Diocleziano, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*