Istruzioni compilazione redditometro

Guide

Istruzioni compilazione redditometro

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione il redditest, un software per verificare la coerenza tra il reddito prodotto e le spese sostenute.

Il software si scarica in pochi secondi, non richiede nessun dato personale come codice fiscale o nome e permette una veloce simulazione.

Il sito dell’Agenzia delle Entrate assicura che le informazioni inserite, restando sul proprio computer, non lasceranno nessuna traccia sul web. Una volta scaricato il programmino, si potrà spegnere la connessione e continuare in tutta calma.

Se volete cimentarvi in questo calcolo ecco il link per accedere al redditest dell’Agenzia delle Entrate:http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Home/CosaDeviFare/Calcolare/ReddiTest/software+Redditest/

Questi di seguito, i dati che vi verranno richiesti e che dovrete avere a portata di mano.

L’anno di riferimento è il 2011, ma il calcolo si può ripetere tutte le volte che si desidera e anche dopo aver lanciato la simulazione è possibile tornare indietro per modificare dati già inseriti o dimenticati.

La prima parte è dedicata alla composizione del nucleo familiare e al reddito complessivo lordo.

Sono queste le schede succesive:

Abitazione: indicare se di possesso o in affitto, di quanti metri quadri; le spese sostenute per la casa, quali mutui, spese per i collaboratori domestici, utenze per l’energia elettrica e telefonia).

Mezzi di trasporto: tipo di mezzo posseduto e la potenza in kw.

Se invece possedete una barca dovrete inserire di quanti metri. Le spese accessorie saranno invece assicurazione ed eventuale leasing.

Assicurazione e contributi: la cifra pagata per assicurazioni sulla vita e infortuni e contributi obbligatori, volontari e previdenza complementare.

Istruzione: spese sostenute per la scuola pubblica o privata, università, corsi di lingue all’estero, masters, tutoraggio.

Attività ricreative: spese di iscrizione a circoli ricreativi, culturali, sportivi; pay tv, giochi on line, possesso di cavalli, vacanze, cura della persona.

Spese varie: restituzione di prestiti, spese mediche, assegno corrisposto all’ex coniuge, acquisto di gioelli e apparecchiature elettroniche.

Investimenti e disinvestimenti per acquisto di terreni edificabili, azioni e imbarcazioni.

Dopo che avrete inserito pazientemente tutti i dati richiesti, premendo il pulsante “stima coerenza” avrete il responso: Coerente o incoerente.

Se tutte le spese sostenute sono tracciate e quindi reperibili dal fisco, potrebbe sorgere un controllo se lo scostamento tra quanto dichiarato come reddito e quanto dedotto dal nostro stile di vita è maggiore del 20%.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*