Italia, in crescita disuguaglianze sociali: paese di impiegati e pensionati

Economia

Italia, in crescita disuguaglianze sociali: paese di impiegati e pensionati

italia, centro commerciale
Italia, in crescita disuguaglianze sociali: paese di impiegati e pensionati

Italia che cambia rispetto ad uno studio dell'Istat. Spariscono la classe operaia e il ceto medio. La diseguaglianza invece aumenta. E molti non si curano

In Italia un tempo esistevano le classi sociali, c’era la classe operaia, il ceto medio e la borghesia. In questo ultimo periodo però la diseguaglianza all’interno della popolazione italiana è notevolmente aumentata. In pratica non esiste più la classe operaia e quello medio.

La società italiana è cambiata rispetto ad una decina di anni fa. Il rapporto Istat 2017 infatti ha messo in evidenza come siano cambiate le classi sociali nel nostro paese. La disegualianza è dovuta principalmente alle pensioni e ai redditi e non ai beni ereditati. Alcune cose sono variate e al giorno d’oggi i padri laureati creano laureati, la classe dirigente crea figli poi dirigenti mentre gli altri lasciano la scuola giovani.

Si scopre, tra le altre cose, che la classe degli impiegati pensa molto alla cultura, quella invece dei ceti più bassi guardano principalmente la televisione. Non esistono più le professioni intermedie. In aumento invece l’opera delle persone nelle professioni non qualificate.

Diminuiscono radicalmente gli operai e gli artigiani.

In 4 casi su 10 le donne sono coloro che hanno un reddito maggiore in famiglia rispetto al passato. Sesso debole che ha un tasso di occupazione più basso di quello maschile di 18 punti. Importante però la loro opera all’interno della classe media impiegatizia. L’Istat spiega pure come la classe operaia e la piccola borghesia abbiano perso di fatto un senso di appartenenza.

A questo punto la popolazione viene suddivisa in nove gruppi, nei quali fanno parte anche gli stranieri: i giovani blue collar e le famiglie a basso reddito, di soli italiani o con stranieri. In questa sezione sono di fatto inseriti anche gli operai. Poi ci sono le famiglie di impiegati e operai in pensione e le famiglie di provincia e all’interno di essa è confluita la piccola borghesia.

Quindi ecco le persone a basso reddito di anziane sole (si parla al femminile perché le donne vivono normalmente più degli uomini) e di giovani disoccupati e infine ecco la classe dirigente e chi in possesso di pensioni d’argento.

Il reddito ovviamente è sempre molto importante. In pratica la forbice è tra i 1.697 euro e i 3.800 euro mensili.

Le diseguaglianze quindi sono sempre più evidenti: i piani alti sono sempre meno accessibili per chi arriva dal basso. L’Istat ordina le famiglie per quinti di spesa. Ebbene il 62,2% viene speso dagli ultimi due quinti contro poco più del 20% dei primi due. le pensioni poi influiscono molto sulle differenze, per ben il 20%, dato nettamente in crescita rsipetto al 2008.

Tra gli altri numeri sono scomparsi i giovani. Un milione e centomila persone tra i 18 e i 34 anni non ci sono più mentre gli ultra 65enni sono arrivati al 22%. Italia dunque che è diventata il paese più vecchio dell’Europa. Dei giovani la maggioranza vive ancora coi genitori. Degli Under 35 il 68,1% è ancora sotto il tetto paterno. In pratica si parla di quasi 9 milioni di individui.

Purtroppo l’ultimo dato riportato dall’Istat non è dei migliori.

A causa del basso reddito ne subisce le conseguenze anche la sanità. Il 6,5% della popolazione infatti rinuncia alle visite mediche ed a curarsi in generale. Un dato importante che deve fare riflettere molto. Basti pensare che nel 2008 tale percentuale si attestava a circa il 4%.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche