Italia, spariti 60mila migranti, l’UE chiede spiegazioni

News

Italia, spariti 60mila migranti, l’UE chiede spiegazioni

Non è servito nulla più di una sottrazione, a Bruxelles, per individuare una falla nel sistema di gestione del flusso di migranti verso l’Europa e mettere premesse polemiche e, per l’Italia, pericolose, in vista del vertice del prossimo 14 settembre.

Una sottrazione. Dall’inizio dell’anno, l’Italia ha accolto circa 90 mila migranti. Dall’inizio dell’anno, l’Italia ha registrato circa 30 mila migranti.

Da Bruxelles, i tecnici, dimostrando l’usuale sensibilità nel trattare mele, automobili e persone allo stesso modo, si limitano a dedurre il numero: ci sono 60mila migranti sbarcati in Italia, ma non ivi registrati.

Nella pratica, secondo Bruxelles, Roma avrebbe commesso una palese e consistente violazione degli accordi di Dublino, omettendo la registrazione di due terzi dei migranti sbarcati in Europa su suolo italiano.

Detto ciò, l’Ue è passata ai fatti inviando al governo italiano una richiesta ufficiale di chiarimenti, attesi non oltre il prossimo 8 settembre, data in cui la Commissione di Jean Claude Juncker dovrà presentare le sue proposte in tema di immigrazione.

Suona proprio come una premessa per poter dire, il 14 di settembre, che l’Italia dovrebbe evitare di chiedere una modifica del protocollo di Dublino, visto che già non lo applica affatto, ma, in effetti, potrebbe trattarsi di una lettura troppo maliziosa dei fatti, troppo cattiva.

Anche perché lo si è capito molto bene che, a Bruxelles, hanno a cuore la questione migranti e sono disponibili a tutto pur di risolvere il problema, con un fronte unico degli Stati membri, uniti come non mai.

1 Trackback & Pingback

  1. Italia, spariti 60mila migranti, l’UE chiede spiegazioni | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...