Italiano Rapito in Nigeria COMMENTA  

Italiano Rapito in Nigeria COMMENTA  

E’ un italiano di 69anni, l’ingegnere rapito a Jamare nel nord-est della Nigeria ieri.

Un portavoce del’ambasciata italiana ad Abuja, la capitale del Paese, afferma di essere “in costante contatto con l’unità di crisi della Farnesina e con le autorità locali per arrivare a un rapido rilascio del connazionale rapito”.

Gli altri rapiti sono  un britannico, un greco e quattro libanesi.

Si chiama Silvio Trevisan, è originario del Nord est e manca dall’Italia da parecchi anni.

Lui e i colleghi lavorano per la Setraco, società di costruzioni libanese

l governo italiano si è già messo in contatto, tramite l’ambasciata, con le autorità nigeriane per ribadire che l’incolumità dell’ostaggio è “una priorità assoluta” e la necessità di arrivare a una soluzione positiva della crisi. Il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, segue da vicino gli sviluppi della situazione, sulla quale -fanno notare fonti della Farnesina- è opportuno mantenere il massimo riserbo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*