Italia’s got talent: chiedeva sussidi comunali avendo 14 immobili di proprietà

Economia

Italia’s got talent: chiedeva sussidi comunali avendo 14 immobili di proprietà

Una pattuglia della Guardia di Finanza
Una pattuglia della Guardia di Finanza

Certi articoli non andrebbero postati nella sezione Economia, ma in quella riservata agli spettacoli, in quanto sembra di essere veramente capitati nel bel mezzo di una puntata di “Italia’s got talent”, la trasmissione che cerca nuovi talenti nella variegata platea degli artisti sconosciuti che affollano la penisola. Categoria alla quale va sicuramente iscritta la protagonista della storia che arriva da Padova, una signora che chiedeva il sussidio pubblico per poter tirare avanti, ma intanto incassava ogni mese, in nero, oltre 4.600 euro. La finta indigente, alla fine è stata scoperta dalla Guardia di Finanza nel corso di una serie di accertamenti su circa duemila casi di contribuenti sospetti. La signora, pensionata, mentre richiedeva il sostegno del Comune, sottraendo magari risorse a chi aveva realmente bisogno, abitava in una villa con grande giardino, piscina e dependance. Inoltre, la poveretta era proprietaria di 14 immobili tutti rigorosamente affittati in nero e aveva omesso di dichiarare canoni riscossi per oltre 220mila euro.

Non contenta di ciò, perché evidentemente il vero scopo della sua vita era fregare gli altri, inventandone una dopo l’altra allo scopo, aveva richiesto (e ottenuto) nel 2002 il rimborso delle tasse universitarie sostenute per il figlio e nel2011 hapensato di richiedere al proprio Comune di residenza anche prestazioni economiche assistenziali, dichiarando l’appartenenza a un nucleo familiare indigente. Per concludere nel modo più degno una storia da commedia dell’arte, adesso ci manca solo qualche politico che la difenda sostenendo che viviamo in uno stato di polizia. In Italia si può vedere anche questo, ormai.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*