Italkali: Sale di Sicilia iodio, nessun rischio per i consumatori COMMENTA  

Italkali: Sale di Sicilia iodio, nessun rischio per i consumatori COMMENTA  

Tutto il Sale di Sicilia Iodio Più prodotto da Italkali può essere commercializzato e consumato senza alcun rischio.
L’Istituto Superiore di Sanità ha effettuato le contro analisi comunicando ufficialmente il 13 marzo 2015 che è indubbia la conformità del cartone utilizzato per i lotti ritirati a scopo preventivo da Italkali a tutela del consumatore ed Arpa Lazio ha ufficialmente ammesso l’errore. Qui sul sito web di Italkali il comunicato stampa:
http://italkali.com/accertata-la-totale-conformita-del…/

Italkali ci tiene a comunicare che Il Sale di Sicilia Italkali è soggetto ad una periodica filiera di controlli (con sistema qualità UNI EN ISO 900, certificato dall’istituto DNV Italia) ed è sempre stato perfettamente conforme.

Approfondimenti

ITALKALI Risponde

  • Ho in casa una confezione di Sale di Sicilia Iodio Più fino che riporta uno dei lotti per cui era stato effettuato il richiamo volontario. Cosa devo fare?
    Può consumare il sale della confezione in tutta tranquillità.
  • Ho acquistato una confezione di Sale di Sicilia Iodio Più Fino con il lotto e ne ho consumato un po’, che devo fare?
    Può continuare a consumare il sale residuo in tutta tranquillità.
  • Ho in casa del Sale di Sicilia Iodio Più Fino ma non ho più la confezione e non posso sapere il numero di Lotto. Che devo fare?
    Può consumare il sale della confezione in tutta tranquillità!
  • Ho in casa una confezione di Sale di Sicilia Iodio Più grosso che riporta uno dei lotti segnalati da Coop. Posso usare il sale che contiene?
    Certo, anche il sale grosso può essere consumato in tutta tranquillità, a maggior ragione dato che non è mai stato segnalato, per errore, dall’Arpa Lazio, come non conforme.
  • Ho in casa una confezione di Sale di Sicilia normale che riporta il numero di lotto segnalato da Coop. Posso consumare il sale che contiene?
    Certo, il Sale di Sicilia “normale” anche per l’Arpa Lazio, che si era sbagliata, è sempre stato conforme.
  • Come fate a dire che il problema era limitato solo ad alcune confezioni?
    Il problema non è mai esistito. Ma era dovuto ad un errore di laboratorio, commesso da Arpa Lazio, su un lotto di cartoncino con cui sono state prodotte un numero determinato di confezioni. Poiché le analisi successive, hanno confermato che anche quel lotto non ha alcun problema, abbiamo avuto un’altra prova, del fatto che il nostro sistema di controlli è efficiente, lavora ogni giorno per produrre un ottimo prodotto.
  • Perché usate cartoncino scadente per le vostre confezioni?
    Il cartoncino che usiamo non è scadente, prova di questo è che è risultato perfettamente idoneo all’uso. Quello che è successo è stato causato solamente da un errore di analisi commesso da Arpa Lazio.

Il cartoncino quindi non solo rispetta tutti i parametri di legge che lo definiscono come alimentare ma viene prodotto dalla prima cartiera italiana, la seconda in Europa, specializzata in materiali per le confezioni alimentari. Si tratta non solo di produzioni certificate secondo i più rigidi sistemi di gestione della qualità ma sottoposte sistematicamente ad analisi.


 

Leggi anche

1 Trackback & Pingback

  1. Italkali: Sale di Sicilia iodio, nessun rischio per i consumatori | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*