Italvolley: arriva la tremenda trasferta in Serbia

Sport

Italvolley: arriva la tremenda trasferta in Serbia

Italy's Dragan Travica pulls on his jersey after allowing a point by Brazil during a men's semifinal volleyball match at the 2012 Summer Olympics, Friday, Aug. 10, 2012, in London. (AP Photo/Jeff Roberson)

Stasera inizia il quinto week end di World League e, per l’Italvolley, è una tappa fondamentale per l’accesso alla fase finale del torneo, prevista il mese prossimo niente meno che in Brasile.

Si va in Serbia, anzi, la nostra nazionale maschile è già là, pronta a dare battaglia per riscattare l’ultima sconfitta (proprio contro i verde oro in casa, a Firenze, domenica scorsa). In senso letterale, siamo nelle mani dell’alzatore Dragan Travica, che, in conferenza stampa, ha fotografato alla perfezione il momento azzurro: “Ci aspettano due match moto difficili, come sempre contro la Serbia. Anche in Italia sono state disputate due gare avvincenti, intense. D’altronde sono uno dei migliori gruppi al mondo e non perdono occasione per dimostrarlo. Da parte nostra sappiamo che dobbiamo migliorare in alcuni aspetti, domani e domenica avremo la possibilità di cercare di risolvere qualche incertezza che abbiamo avuto nelle prime partite. Siamo consapevoli che la World League è una manifestazione che non ti permette di lavorare molto in palestra, dunque è importante saper risolvere direttamente in campo alcuni aspetti”.

Ancora più incisivo il coach Mauro Berruto, secondo cui “qui in Serbia sta per iniziare una sorta di Final Six; il livello è praticamente lo stesso.

Noi vogliamo fare di tutto per staccare il pass per Rio e per farlo sarà necessario approcciarci a queste partite con la massima concentrazione. Sarà importante giocare una pallavolo di alto livello perché per battere certi avversari c’è bisogno di questo”.

Pallavolo di alto livello è ciò che è lecito attendersi da una sfida così.

Primo match questa sera alle 20, diretta su Raisport 2, seconda sfida domenica, sempre alle 20, sempre su Raisport 2.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche