Ito Ogawa: La cena degli addii COMMENTA  

Ito Ogawa: La cena degli addii COMMENTA  

L’opera Una nonna precipita nell’oblio della vecchiaia cancellando dalla memoria dapprima la figlia e poi la nipote, e chiudendosi nel castello inattaccabile di chi si approssima alla fine. Niente sembrerebbe destarla alla vita, né il cibo né le premure dei familiari. Un giorno, però, la nipote le porta una granita gelata, un piccolo gustoso monte Fuji identico a quello assaporato qualche anno prima a un chiosco non lontano da casa, e allora la nonna ritrova un guizzo di gioia e vitalità. Una donna gravemente ammalata decide di dedicare i suoi ultimi giorni a insegnare alla sua bambina come preparare un buon misoshiru, la zuppa di miso, la pasta di soia fermentata servita in una ciotola di brodo denso. Ha promesso al marito di preparargli ogni giorno l’adorato piatto e non vuole che, dopo il suo congedo dal mondo, un’altra donna, estranea alla famiglia, assolva quel compito.

Una coppia alla vigilia della separazione si reca nella penisola di Noto per un’ultima cena. Il tipico aroma speziato dei funghi matsutake, il sashimi di cernia macerata con alga konbu e un bel po’ di sake fanno dileguare per un istante rimpianti e tristezza dell’addio.Due gay progettano un doppio suicidio a Parigi e trovano la modalità giusta per porre fine alla loro esistenza davanti a ostriche crude con composta di pesche e mousse di pesce affumicato, scampi alla brace con spuma al profumo d’arancia, zuppa di granchio fredda con sorbetto di pomodorini ciliegia e altre prelibatezze…
I personaggi del nuovo libro di Ito Ogawa celebrano quasi tutti degli addii – il congedo dal mondo, dagli affetti più intensi, da un lungo rapporto d’amore, dai luoghi più cari – in compagnia di un cibo. Per un breve fugace momento, il cibo – una cena nel ristorante preferito, la zuppa di miso, i funghimatsutake, una granita gelata – lenisce la crudeltà dell’addio e restituisce il piacere della vita e le gioie del palato.

Ito Ogawa scivola con grazia, poesia e umorismo tra le vite dei suoi personaggi e mostra come nella civiltà giapponese il culto della buona cucina attraversi ogni fase dell’esistenza, come un rito imprescindibile. L’accurata preparazione di un piatto, l’arte di deliziare il palato con una grande ricetta sono qualcosa di più di un sofisticato modo di provvedere al nutrimento: sono gesti che incidono talmente nelle emozioni e nel sentimento, da rendere persino gli addii indimenticabili.

Il nuovo libro dell’autrice del Ristorante dell’amore ritrovato
Premio Bancarella della Cucina 2011.


Sentimenti e leccornie, struggenti addii e delizie del palato nel nuovo libro dell’autrice del Ristorante dell’amore ritrovato.

Hanno detto del Ristorante dell’amore ritrovato:

«Il lettore è travolto da un mix di sentimenti e acquolina in bocca».
L’Espresso

«Uomini e donne davanti a un piatto che ha dentro affetti e ricordi, memorie ed emozioni. Sfida altissima, che in pochi sono davvero in grado di lanciare».

L'articolo prosegue subito dopo

Sabina Minardi

«Il ristorante dell’amore ritrovato ha venduto migliaia di copie. Oltre a scrittrice, Ito Ogawa è una food blogger seguitissima sul suo sito internet (purtroppo solo in giapponese) su cui ogni giorno posta una nuova ricetta».
Vanity Fair

«Ito Ogawa spiega come la cucina sia in grado di ritrovare l’amore per se stessi e per gli altri, con una narrazione sublime che si scioglie nel piacere per il cibo».
Pianeta donna

Traduzione dal giapponese di Gianfranco Coci
Euro 16,50
272 pagine
EAN 9788854506282

Nata nel 1973, Ito Ogawa è una nota scrittrice giapponese di canzoni e di libri illustrati per ragazzi. Con Il ristorante dell’amore ritrovato, il suo romanzo d’esordio, ha ottenuto un grande successo di critica e pubblico, con centinaia di migliaia di copie vendute. Il romanzo si è aggiudicato il Premio Bancarella della Cucina 2011 e la versione cinematografica è uscita sugli schermi giapponesi nel 2010. Sul suo seguitissimo sito web (solo in giapponese), propone ogni giorno originali ricette di cucina.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*