Juve-Inter: partita da sogno COMMENTA  

Juve-Inter: partita da sogno COMMENTA  

Juventus e Inter, Inter e Juventus. Da una parte o dall’altra è sempre una sfida dai grandi sapori, dal grande fascino, che tutti vorrebbero, almeno una volta nella vita, giocare. Squadre rivali da oltre 100 anni che hanno dato vita a incontri memorabili, spesso pregni di polemiche che si sono trascinate anche nelle settimane (e negli anni successivi). Senza andare troppo lontano nel tempo, basta ricordare l’Inter si Gigi Simoni e il famosissimo contatto in area di rigore Juliano-Ronaldo, episodio che ancora oggi è ricordato nelle immagini televisive di presentazione di questa partita, su qualsiasi canale televisivo.

Juventus-Inter è “La partita”. L’incontro è chiamato derby d’Italia perchè è la partita che più di tutte si è giocata nella storia del campionato di serie A.

Rivalità tra tifosi, tra giocatori,tra società, tra ex di turno che hanno vestito entrambe le casacche, rivali anche in alcune operazioni di mercato, voglia di rivalsa dell’una sull’altra per un qualsiasi motivo. Tutto questo viene imemsso nel campo, su quel rettangolo verde che per poco più di 90 minuti catalizzerà l’attenzione di oltre 1 miliardo di spettatori in tutto il mondo.

Nonostante ci siano sempre da parte degli “addetti ai lavori” di entrambe le squadre il tentativo di arrivare a questa gara, stemperando i toni, smorzando questa accesa rivalità, più che altro per dovere di buon senso e di fair play, la gente inizia a vivere questa partita già dalle due settimane precedenti. Basta entrare nei bar per accorgersene. Discorsi, immagini, ricordi: tutto è proiettato qui.

Anche nei giocatori e nei dirigenti delle società stesse deve esserci sicuramente qualcosa che non appare, perchè Juventus-Inter è così, è questo, al di là delle parole di facciata.

L'articolo prosegue subito dopo

Il calcio è bello anche (e soprattutto) per questo. Se non ci fosse sana rivalità e sano campanilismo, sarebbe la fine dello sport. A patto però che sia leale, corretto, onesto…se no sarebbe comunque la fine dello sport.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*