Juventus, Allegri attacca: “Siamo alla follia” COMMENTA  

Juventus, Allegri attacca: “Siamo alla follia” COMMENTA  

Juventus, Allegri attacca Siamo alla follia
Juventus, Allegri attacca Siamo alla follia

In vista del match di stasera con il Porto per la Champions League, Allegri attacca e dice Siamo alla follia.

Stasera la Juventus scenderà in campo nella sfida di Champions League contro il Porto e Allegri invita a lasciare da parte le polemiche scaturite dopo la vittoria con il Milan e concentrarsi sulla partita di stasera.


“Noi non siamo mai caduti nella trappola della polemica, finendo per perdere energie. La Juve si è dimostrata più forte del Milan. Se avessimo subito quel rigore all’ultimo ci saremmo rimasti male, forse mi sarei arrabbiato. Ma credo che negli ultimi sei anni di sfide tra bianconeri e rossoneri l’unica partita dove non c’è stato equilibrio è stata proprio quella di venerdì, ripensando ai nostri 25 tiri, di cui ben 13 nello specchio”.

Nell’intervista realizzata, Allegri parla di quanto successo venerdì con lo spogliatoio distrutto dicendo che bisogna avere rispetto, educazione e servono regole severe. Afferma che si sta raggiungendo il limite della follia. Si dicono delle cose, ma si fa tutt’altro. Insomma, un Allegri alquanto amareggiato e arrabbiato per quanto successo.


E’ consapevole delle potenzialità della Juventus e che possa arrivare in finale, ma sa anche che ci sono squadre pronte ad arrivare in finale e vincere. Pensa che la sfida di stasera vedrà un Porto diverso rispetto all’andata e che farà un’altra partita.


Parla poi di Marchisio che, dopo tre panchine, dovrebbe tornare in campo e riguardo Chiellini sta ancora valutando se farlo giocare o meno.

Nel frattempo, alcuni giocatori della Juventus sognano, tra cui Dybala: “Vincere la Champions al mio secondo anno alla Juventus sarebbe una cosa pazzesca.

L'articolo prosegue subito dopo

Mi piacerebbe essere decisivo in Europa come in campionato. Ma sarei comunque contento di arrivare fino alla finale di Cardiff senza segnare”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*