Juventus: Conte squalificato per un turno. Impunito lo striscione su Pessotto

Calcio

Juventus: Conte squalificato per un turno. Impunito lo striscione su Pessotto

Antonio Conte dovrà osservare dalla tribuna la trasferta della sua Juventus a Genova. Dopo l’espulsione rimediata a Bologna, infatti, il giudice sportivo Gianpaolo Tosel l’ha squalificato per un turno, un provvedimento causato più dalla successiva, violenta protesta con il quarto uomo Bergonzi che per l’allontanamento in sè, come si legge dalla motivazione: Per aver contestato platealmente una decisione arbitrale assumendo, all’atto del consequenziale allontanamento, un atteggiamento minaccioso nei confronti del Quarto Ufficiale di gara“.

Stesso provvedimento per l’allenatore del Cesena Mario Beretta, allontanato dall’arbitro Rocchi per aver rivolto al direttore di gara un applauso ironico dopo una decisione del fischietto fiorentino. Spazio quindi ai rispettivi vice-allenatori: la Juve sarà seguita sul prato di Marassi da Angelo Alessio, al debutto su una panchina di Serie A così come Luigi Piangerelli, bandiera in campo del Cesena fino alla scorsa stagione e che sarà in panchina durante la partita interna contro il Siena. Ma dopo le frasi al veleno pronunciate dopo la partita da Beretta (“So quale maglia aveva sotto la divisa l’arbitro Rocchi, ma non posso dirlo“), potrebbero essere in arrivo altre punizioni per il tecnico milanese. Spicca invece la totale mancanza di provvedimenti punitivi nei confronti del Bologna dopo il macabro striscione rivolto a Gianluca Pessotto ed esposto per pochi minuti del secondo tempo. Premiato, evidentemente, la tempestività con cui lo striscione è stato rimosso. Ma i dubbi restano

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...