Juventus: è fatta per Caceres. Ora Nainggolan

Calcio

Juventus: è fatta per Caceres. Ora Nainggolan

Il primo tassello è andato a posto, e tra poche ore sarà la volta del secondo. Martin Caceres torna ad essere un giocatore della Juventus: trattativa chiusa con il Siviglia con la formula del prestito oneroso ad 1,5 milioni e riscatto ad otto (pagabili entro otto mesi) in caso di qualificazione dei bianconeri alla prossima Champions. Tutti contenti, quindi, a partire da Antonio Conte che a partire da giovedì potrà contare sul jolly difensivo a cui tanto ambiva al punto da preferirlo ad un altro “pupillo” come Fredy Guarin che a questo punto esce, almeno per il momento, dai radar bianconeri: la speranza inconfessata di Marotta è che il giocatore, che nei giorni scorsi non ha fatto mistero del fascino esercitato su di lui dalla Juventus, “tenga duro” al Porto fino all’estate, quando di sicuro gli uomini mercato della Juventus torneranno all’assalto per tentare di completare il reparto di centrocampo con la corsa e la qualità di Guarin.

Soluzione difficile, comunque, visto che l’Inter è pronta a buttarsi sul colombiano, ritenuto l’ideale sostituto di Thiago Motta, che sembra ormai vicinissimo al Paris Saint Germain.

Tornando a Caceres, il nazionale uruguaiano classe ’87, già in forza alla Juventus nella stagione 2009-2010 (quindici presenze ed un gol, decisivo, in casa della Lazio), torna a Torino maturato e migliorato dal punto di vista tecnico ed anche tattico grazie anche ai bei risultati ottenuti con la sua nazionale, dal terzo posto ai Mondiali 2010 al trionfo in Copa America lo scorso luglio: forte di una conoscenza già piuttosto approfondita del calcio italiano il giocatore potrà essere utilissimo per Conte in almeno tre ruoli difensivi, ovvero i due posti da centrale e quello da terzino destro, ricambio ideale per un Lichtsteiner finora sempre presente. Quanto al centrocampo gli sforzi della coppia Marotta-Paratici sono ora tutti rivolti verso Radja Nainggolan: come anticipato lunedì da Notizie.it, infatti, le scelte dei dirigenti juventini, di concerto con Conte, sono ormai chiare ed hanno individuato il mediano belga-indonesiano del Cagliari come il tassello giusto per completare la linea mediana.

Fin da subito, però, quindi bisognerà forzare la mano al presidente Cellino alle prese con continui ripensamenti: un giorno dichiara incedibile il suo gioiellino, quell’altro lo libera per poi decidere di privarsene solo a giugno.

E se per l’estate Nainggolan è già promesso sposo della Vecchia Signora, la Juventus farà di tutto per ottenerlo subito: la formula simil-Matri, quella del prestito con riscatto obbligatorio inserendo nell’affare l’altra metà di Ekdal ed il 50% del cartellino di Marrone ed Immobile (entrambi da luglio) sembra essere quella giusta ma sono pronte anche delle alternative. Quali? Marco Parolo: l’incursore del Cesena infatti potrebbe essere acquistato dalla Juventus e poi girato al Cagliari. Ecco il grimaldello giusto per chiudere l’affare entro il 31 gennaio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...