Juventus e Tevez, possibili strategie in campo COMMENTA  

Juventus e Tevez, possibili strategie in campo COMMENTA  

L’arrivo di Carlos Tevez alla Juventus consentirà di mescolare le carte in tavola. Grazie al top player infatti Antonio Conte potrà mettere in atto alcune delle idee di rivoluzione della squadra in campo, grazie al fatto che il giocatore argentine può ricoprire senza problemi tutti i ruoli d’attacco. Ad eccezione delle ultime giornate di campionato, la Juve si è schierata in campo con il 3-5-2, modulo che ben si presta anche a Tevez che potrebbe essere posizionato in coppia con Vicinic o, in alternativa con il neo acquisto Fernando Llorente. Il tecnico bianconero potrebbe però pensare a un cambio modulo, passando al 4-3-3 e integrando Tevez in un tridente d’attacco con la possibilità di giocare sia da esterno destro che sinistro. Con questo modulo però c’è il rischio che Vicinic e Lloriente appesantiscano troppo il tridente, alleggerendo nel contempo il pressing.

Leggi anche: In bilico la panchina di Conte in nazionale: per lui c’è pronta la Premier League


Altra ipotesi che Conte potrebbe mettere in atto è il 4-2-3-1, modulo con unica punta che potrebbe andare bene sia per Tevez che per Llorente, meno per Vucinic che finirebbe sulla fascia, ruolo che però non sembra apprezzare molto. Inoltre anche Pirlo rischierebbe di venire depotenziato in mediana. Vi è poi la possibilità di una completa rivoluzione, passando al 4-2-4, un’idea che il tecnico bianconero potrebbe proporre posizionando Tevez come seconda punta e consentendogli di giocare anche come esterno di centrocampo. Il rischio di questa scelta rivoluzionaria è però che il resto della squadra così come è attualmente composta non riesca a sostenerla e possa manifestare, durante il campionato, problemi di tenuta.

Leggi anche: Antonio Conte si presenta al Chelsea come nuovo allenatore

Leggi anche

Il presidente del Coni Giovanni Malagò
Sport

Calcio. Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln

Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln   Ammonta a 4,5 milioni di euro il taglio che il CONI ha deciso per contributi annuali alla Figc. Da 37,5 mln, si passa a 33 per l'anno 2017. E' quanto si é appreso al termine della riunione sui contributi che il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha tenuto oggi con i presidenti federali. Su 44 federazioni coinvolte, l'unica a presentare segno meno è proprio la Figc. Per altre 13 contributi invariati, mentre 30 ottengono un aumento. Tra queste, le più premiate sono quelle che hanno portato maggiori risultati a livello olimpico: nuoto, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*