Juventus-Roma: precedenti e probabili formazioni

Calcio

Juventus-Roma: precedenti e probabili formazioni

Via il dente, via il dolore. E spazio ai pre-festeggiamenti. Il mancato slittamento del campionato ha “obbligato” la Juventus ad invertire la rotta: prima della spianata Cesena c’è l’ultimo Gpm da scalare per arrivare allo scudetto. Una montagna, la Roma, dalle pendenze non impossibile ma di cui Conte non vuole fidarsi anche perché mai come adesso Luis Enrique ha ripreso a sperare nel terzo posto. Ed il paradosso è che il pareggio starebbe bene solo ai giallorossi.

Juventus: Conte comincia a contare i minuti. Ne mancano 540’ alla fine del campionato ma quelli decisivi saranno i primi 90’. Il tecnico bianconero, al momento non turbato dalle voci su Scommessopoli, lo sa ma non può ammetterlo: superare indenne l’ostacolo Roma lancerebbe un messaggio sconfortante alla concorrenza. Serve vincere, quindi, ma possibilmente mostrando la solita ferocia che ha portato a demolire Inter, Napoli, Palermo e Lazio nelle ultime quattro gare-chiave. Per questo il tecnico ha cominciato a martellare i suoi fin da martedì e per questo in campo scenderà la formazione più affidabile: spazio allora al 3-5-2, modulo solo apparentemente difensivo, e buono per bloccare le discese dei terzini giallorossi.

Il terzo centrale sarà Bonucci, pur ostacolato dalla mascherina al naso, mentre a destra Lichtsteiner sarà preferito a Caceres. Tutto invariato in mezzo, a sinistra la spunta De Ceglie. Davanti Quagliarella, alle prese con un fastidio all’adduttore, è regolarmente convocato ma dovrebbe partire dalla panchina: al suo posto più Matri che Borriello al fianco di Vucinic, alla prima da ex contro la Roma. Ancora panchina per Del Piero alla penultima grande sfida della carriera juventina prima della Coppa Italia ed all’ultimo incrocio con l’altro simbolo del calcio italiano anni 2000, Francesco Totti. Indisponibili: nessuno. Squalificati: nessuno.

Roma: è stata una vigilia da essere o non essere quella di Luis Enrique. Il tecnico asturiano è tentato dal riproporre De Rossi al centro della difesa come successe all’andata ma toglierlo dal ruolo di volante davanti alla retroguardia potrebbe essere molto pericoloso, come del resto non lascerebbe tranquilli la presenza dell’impacciato Kjaer. Alla fine Capitan Futuro dovrebbe giocare in linea con Heinze anche per lasciare spazio alle incursioni di Marquinho, l’uomo nuovo dell’ultimo mese, chiamato a fare male ad una fase difensiva quasi perfetta come quella della Juve.

Convocato anche Borini, non al meglio però per il solito guaio muscolare: inizierà dalla panchina, rinnovata la fiducia a Bojan in luogo di Lamela. Ma per uscire indenni servirà ripetere la prestazione offerta contro l’Udinese. Indisponibili: Lobont, Burdisso, Cassetti, Juan. Squalificati: nessuno.

Precedenti: sono appena otto su settantotto partite le vittorie della Roma in casa della Juventus a fronte di ventuno pareggi e ben quarantanove affermazioni bianconere. La gara è mancata soltanto due volte nella storia della Serie A a girone unico, nel 1951 e nel 2006 quando rispettivamente giallorossi e bianconeri militarono in Serie B. Appena tre i successi capitolini negli ultimi trent’anni: l’ultima risale al 23 gennaio 2010, 2-1 firmato Johh Arne Riise in pieno recupero, ma i tifosi giallorossi non dimenticano neppure quella del 29 settembre 2001 quando i gol di Batistuta e Assunçao regalarono l’ultima grande soddisfazione ai Campioni d’Italia in carica di Capello, prossimi ad una stagione da dimenticare ed a cedere il titolo proprio alla Juve di Lippi.

Dal canto suo la Juventus ha vinto solo quattro delle ultime dieci sfide e non trionfano dal 1° novembre 2008 (2-0, Del Piero e Marchionni). Due le vittorie “più” degli ultimi trent’anni: il 3-0 del 16 marzo ‘97 ed il 5-0 del 18 novembre 1990 quando la Juve di Maifredi regalò effimere bollicine di calcio champagne grazie alla tripletta di Schillaci.

Probabili formazioni: Juventus: Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Vidal, Pirlo, Marchisio, De Ceglie; Matri, Vucinic. Roma: Stekelenburg; Taddei, Heinze, De Rossi, Josè Angel; Pjanic, Gago, Marquinho; Totti; Osvaldo, Bojan.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche