Juventus-Udinese 2-1: le pagelle COMMENTA  

Juventus-Udinese 2-1: le pagelle COMMENTA  

Juventus:

Buffon 6.5: sempre attento sulle conclusioni dalla distanza di Abdi ed Armero, il resto lo fa la sua ottima difesa.

Barzagli 7.5: baluardo insuperabile. E’ lui a tenere unito il reparto in ogni circostanza, anche nelle delicate ripartenze avversarie. Sa sempre un attimo prima dove andrà il pallone, decisivo in un paio di chiusure.

Leggi anche: Sbaglia davanti alla porta, l’errore più assurdo di sempre


Bonucci 6: perno centrale della difesa, entra in campo menomato e gioca quasi da fermo ma limita al minimo le consuete amnesie, ma nel finale regala il consueto brivido allo Juventus Stadium.

Leggi anche: Consigli scommesse Champions League: partite 6 e 7 dicembre


Chiellini 7: l’Udinese attacca meno dalla sua parte ma lui conferma il momento di grazia sul piano fisico e psicologico. Concentrato come poche altre volte, trova il tempo anche per impostare l’azione.


Lichtsteiner 6: Guidolin gli prepara una gabbia con Armero e Pasquale e con l’amico Fernandes in terza battuta e lui, pur dovendo preoccuparsi meno del solito di difendere, non incide come di consueto. (De Ceglie: sv).

Vidal 5.5: appannato. Non è facile trovare spazio nel gran traffico di centrocampo e lui non è al meglio della condizione, ma sbaglia troppi appoggi tra cui quello che origina il pareggio. Cresce nella ripresa.

L'articolo prosegue subito dopo


Pirlo 6.5: la mediana dell’Udinese lo raddoppia costantemente nel primo tempo ma lui non perde mai la bussola. Nella ripresa ha più spazio ed è come sempre impeccabile nel ghiacciare il gioco.

Giaccherini 6: lascia il fioretto impugnato contro la Roma per tornare ad usare la clava, pur non essendo nel suo ruolo. Forse è leggermente meno ispirato rispetto alle ultime occasioni, sbaglia qualcosa ma da mezzala deve correre molto e non si ferma mai.

Estigarribia 7: la squadra attacca in massima parte da sinistra e lui si fa sempre trovare pronto prima con inserimenti mortiferi (sfiora il gol dopo 2′) e poi con sovrapposizioni puntuali e cross pericolosi, tra cui quello del gol. Corre fino a sfiancarsi. (Pepe 6: non è al meglio, va a fare il quinto in difesa e regala qualche sbavatura).

Matri 7: come a Lecce salva grazie al suo opportunismo in area una partita lacunosa in fase di appoggio ai compagni. Da rapace il primo gol, da campione il secondo.

Quagliarella 6: tanto movimento intorno ed alle spalle di Matri, lavoro oscuro ma prezioso ed entra in maniera decisiva nell’azione del primo gol. (Marchisio 6.5: entra e collabora all’azione decisiva, poi si mette a fare legna in mezzo).

Conte 7.5: la solita Juve che non molla mai, di lotta e di governo. La sua squadra corre quanto e più dell’Udinese riuscendo a trovare alternative alla gabbia su Pirlo. Occhi di tigre e fame da paura: senza limiti?

Udinese:

Handanovic 6.5: tempista e provvidenziale nelle uscite a valanga su Estigarribia e Matri, incolpevole sui gol.

Ferronetti 5.5: Estigarribia lo mette duramente alla prova, ma è nel secondo gol di Matri che affonda con una distrazione fatale.

Danilo 6: registra con la solita attenzione il pacchetto arretrato ma è insolitamente nervoso e falloso.

Domizzi 5.5: partita non facile tra le punte che non danno riferimenti e le chiusure su Lichtsteiner, si fa bruciare da Matri in occasione del primo gol. (Battocchio sv: l’ultimo prodotto della cantera non trova tempo e spazio per graffiare).

Basta 6: più difensore che fluidificante, il duello con Estigarribia finisce alla pari. Primo tempo per il paraguayano, cresce nella ripresa.

Isla 6: non sembra risentire dell’infortunio ma non è pungente come al solito negli inserimenti e cala vistosamente nella ripresa, però dopo aver servito l’assist d’oro a Floro. (Pereyra: sv).

Fernandes 6: utilissimo schermo difensivo, svaria dal centro a destra a sinistra, corre dietro a tutti ma è frenato dalla precoce ammonizione.

Armero 6.5: pur accentrato non disdegna di sprigionare la sua velocità ed in tandem con Pasquale limita la pericolosità di Lichtsteiner.

Pasquale 6.5: puntuale negli anticipi su Lichtsteiner, riparte con puntualità e pericolosità.

Abdi 5.5: chiamato al lavoro sporco su Pirlo assiste poco e male Di Natale. (Floro Flores 6.5: entra in campo e va subito a segno, pericolo costante per la difesa juventina ma nel finale la squadra non lo assiste).

Di Natale 5: isolato nel primo tempo, più in partita nella ripresa ma non trova mai la giocata o l’apertura vincente. Ed è troppo nervoso, come all’andata. Solo un caso?

Guidolin 6: si gioca la partita potenzialmente dell’anno senza mezzo centrocampo. Chissà come sarebbe finita ma dopo un bell’avvio aggressivo la squadra si abbassa troppo dedicandosi solo alle ripartenze. Nella ripresa ha anche le occasioni per pareggiare ma non è questa l’Udinese a cui ci ha abituato.

Arbitro:

Valeri 6.5: qualche errore di valutazione (leggi regole del vantaggio non applicate) ma nel complesso è sempre vicino all’azione e non sbaglia le decisioni importanti.

Leggi anche

sbaglia-davanti-alla-porta
Calcio

Sbaglia davanti alla porta, l’errore più assurdo di sempre

Trovarsi a pochi centimetri dalla linea di porta, e sbagliare clamorosamente il gol. E' accaduto in Serbia, nel corso di un match del campionato regionale di Belgrado caratterizzato da un colpo di scena 'in negativo'. Tutto a causa di un assurdo errore di un giocatore, con indosso la maglia numero 15, che ha trovato un varco sfruttando una svista della difesa ma che a sua volta ha commesso uno di quegli errori che certamente non dimenticherà mai. Dopo aver rubato il pallone sfuggito ad un avversario, il giocatore prima ha stupito tutti con un tunnel al portiere, spingendosi poi sotto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*