Juventus: vicino l’accordo con Palombo COMMENTA  

Juventus: vicino l’accordo con Palombo COMMENTA  

Due acquisti già in cantiere ma il più importante ancora da perfezionare. La Juventus non vuole sprecare le sue cartucce in vista di un mercato di gennaio che dovrà completare quanto di buono (non tutto) fatto in estate ma che dovrà soprattutto consegnare a Conte un organico pronto per lottare fino alla fine per lo scudetto, mettendo in cassaforte il prima possibile il secondo posto che garantisce il ritorno diretto in Champions League. Così se Borriello dovrà alternarsi con Matri e soprattutto fornire quel lavoro di sponda che l’allenatore della Juve chiede ai propri attaccanti, e se Caceres promette di essere un jolly utilissimo per la difesa, essendo utilizzabile su entrambe le fasce ed anche al centro, sarà forse il centrocampista che ancora manca quello che permetterà di esprimere un giudizio più obiettivo sulle operazioni di mercato della coppia Marotta-Paratici. Le idee sono tante, i soldi ci sono ma certo non verranno spesi a gennaio. Da qui la necessità di ponderare per bene l’affare, a costo anche di impiegare qualche settimana in più per la scelta.


Il cambio di modulo in corsa, dal 4-2-4 al 4-3-3, ha reso insufficiente la batteria di mezzali attualmente a disposizione di Conte: Marchisio, Pirlo, Vidal e Pazienza non possono bastare se si punta al bersaglio grosso. Serve insomma un altro elemento che sia già pronto (niente scommesse straniere) e possibilmente poco costoso, da acquistare insomma con la solita formula del prestito con diritto di riscatto a giugno. Certo Fredy Guarin intriga e sarebbe proprio lui l’idale vice-Vidal ma al momento in testa alle preferenze di Conte ci sono due nomi: Zdravko Kuzmanovic, l’eclettico mediano ex Fiorentina attualmente allo Stoccarda e pronto al trasferimento, ma soprattutto Angelo Palombo: sul capitano della Sampdoria, che i blucerchiati vogliono cedere a fronte delle resistenze del giocatore, si sta per scatenare una vera e propria asta comprendente di sicuro Udinese e Fiorentina, oltre alla Juventus, con Lazio e Napoli sullo sfondo mentre l’agente del giocatore, Tullio Tinti, ha smentito l’esistenza di un’offerta della Roma.


Se sarà addio alla Lanterna Palombo sarà chiamato a scegliere tra un posto da titolare che gli offrirebbe la Viola (società in cui è cresciuto) ed il prestigio della Juventus dove però partirebbe in seconda fila e che peraltro lo acquisterebbe, al momento, solo in prestito.

Sampdoria e Juventus hanno già raggiunto un accordo di massima per un milione di prestito oneroso e riscatto attorno ai cinque ed il giocatore sembra deciso a preferire proprio la soluzione torinese rispetto ad una di maggiore visibilità.

L'articolo prosegue subito dopo

Resta da capire se la Sampdoria attenderà l’asta. Conte e Marotta però sono disposti ad aspettare: la pedina è stata individuata. Sbagliare mossa sarebbe esiziale.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*