Kabul: talebani rivedincano attacco suicida che ha ucciso 3 persone COMMENTA  

Kabul: talebani rivedincano attacco suicida che ha ucciso 3 persone COMMENTA  

Kabul. Un altro attacco terroristico suicida colpisce la città: tre morti e 38 feriti. Questa volta il target è la polizia locale e il Parlamento.

Kabul. Un altro attacco terroristico suicida colpisce la città: tre morti e 38 feriti. Questa volta il target è la polizia locale e il Parlamento.

I militanti del gruppo di talebani hanno dichiarato che l’attacco avvenuto questa mattina presto era rivolto contro polizia, intelligence e militari. L’attacco è avvenuto in due parti della città, uccidendo tre persone (i feriti sono tantissimi).

Inizialmente si è sentita una fortissima esplosione causata da un uomo che si è fatto esplodere all’interno della propria auto, nella zona ovest della città, seguita da una battaglia a suon di itra tra polizia e militanti. Quest’ultima è durata diverse ore, con i militari barricati all’interno della loro accademia, dove sono rimasti nascosti.


Il portavoce del Ministro degli Interni, Najib Danesh, parlando ai giornalisti ha affermato che il Ministero era a conoscena del possibile attentato che era previsto nel pomeriggio, tanto che avevano attivato un team militare allo scopo di sventarlo in anticipo, senza riuscirci.


L’altro attacco si è svolto in un’altra zona della città, più precisamente al quartier generale della NDS (National Directorate for Security), situato nella zona est. Questa volta però è stato sventato dai militari che presidiavano il luogo: due talebani sono stati uccisi.


Un loro portavoce ha rivendicato l’attacco, ritenendolo di forte impatto e ben riuscito. Lo scopo ultimo dei talebani è trovare tutti i militari stranieri che hanno partecipato ad attacchi contro di loro dopo l’11 settembre 2001 e ucciderli.

L'articolo prosegue subito dopo


Oltreoceano, il governo americano dichiara di avere difficoltà a controllare il terrorismo in quanto i suoi militanti hanno il controllo del 60% del Paese.

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*