Karni Mata: il tempio d'argento abitato dai ratti

Karni Mata: il tempio d’argento abitato dai ratti

Viaggi

Karni Mata: il tempio d’argento abitato dai ratti

Karni Mata
Tempio

Chi ha potuto compiere nella sua vita dei bei viaggi saprà quasi sicuramente che i tempi, anche quelli meno noti, sono tra le creazioni più belle in assoluto

Il mondo è costellato da tanti culti diversi, i quali solitamente si appoggiano a chiese, luoghi sacri e tempi. In tali luoghi i devoti venerano una divinità ed esprimono le loro credenze religiose. I tempi, in genere, nascondono delle ricchezze di inestimabile valore. E nemmeno nei paesi più poveri del mondo, nessuno osa sottrarre qualcosa per paura delle divinità.
Esistono però dei luoghi sacri che mettono i brividi per davvero e questo non perché siano scarni in sé, ma per quello che custodiscono.

Karni Mata: il tempio dei ratti

Se per caso, ad esempio, un turista fosse di fronte al tempio di Karni Mata senza conoscerne del tutto la storia noterebbe all’esterno una struttura con delle porte in argento, ma al suo interno noterebbe qualcosa di incredibile.
È bene ricordare che il tempio di Karni Mata ha oltre sei secoli di storia ed è ubicato a Deshnoke, nello stato indiano del Rajasthan. L’edificio venne costruito per ordine del maharaja Ganga Singh.

La struttura è ricoperta da pavimenti e pannelli in pregiato marmo. È arredato con decorazioni d’argento e d’oro, intricate sculture, addirittura diverse porte del tempio sono in argento puro.
Karni Mata

Quello che appare all’interno del tempio

Quando vi addentrate nell’interno del tempio di Karni Mata iniziano a sorgere dei problemi. E questo deriva dal fatto che i vari pavimenti sacri di marmo sono costellati da numerose minuscole sfumature marroni. E dal loro interno si sente un continuo squittire. Una volta che avete abituato gli occhi alla penombra noterete centinaia…no, migliaia di topi. Questi ultimi vivono allegramente nel tempio e guai a voi a scacciarli oppure calpestarli!
I piccoli roditori sono praticamente in qualsiasi parte del tempio di Karni Mata. Si insinuano nelle sporgenze, sulle statue e persino nelle crepe delle pareti. Secondo un recente censimento sarebbero oltre ventimila i ratti presenti nel tempio di Karni Mata.
Karni Mata

Altri dettagli sul tempio di Karni Mata

Neanche il visitatore più schifato può permettersi il lusso di fare del male ai topi e questo perché qui sono venerati.

E i sacerdoti sono indaffarati nel cercare di dare loro tutto il necessario e questo perché prolifichino nel modo migliore.
Capirete anche voi che mantenere la pulizia all’interno del tempio di Karni Mata è molto difficile, quasi del tutto impossibile. Poi i sacerdoti e anche i visitatori camminano beatamente tra i topi dando loro del cibo. Quest’ultimo viene gettato al suolo e negli angoli.
Karni Mata

Altri particolari sul tempio

È bene ricordare che gli adoratori e i sacerdoti che vanno nel tempio non vedono i topi come degli animali fastidiosi e nocivi alla salute umana, ma bensì come dei “kabbas”, ossia “piccoli figli”. Qui non si sente parlare di animali rigorosamente sacri, ma piuttosto di creature protette e rispettate. E questo perché vengono credute esseri umani reincarnati per poter espiare le loro colpe nella loro precedente esistenza.
Poi emerge un altro particolare: tutto intorno al tempio i ratti sono protetti da uccelli predatori e gatti con del filo spinato e griglie.

I fedeli ogni mattino offrono loro del pane, gustose polpette dolci, pane e perfino latte. Queste cose sono le medesime che di solito vendono sui loro carretti al di fuori del luogo sacro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche