Recensione libro di ken Follett : L’uomo di Pietroburgo COMMENTA  

Recensione libro di ken Follett : L’uomo di Pietroburgo COMMENTA  

L’uomo di Pietroburgo è uno dei primi romanzi di Ken Follett che si contraddistingue per l’intreccio particolarmente avvincente e per la scorrevolezza della sintassi. Il libro è infatti di facile lettura, accattivante e coinvolgente in ogni sua parte. La descrizione dei personaggi è approfondita senza divenire prolissa.

La trama ci porta indietro nel tempo ed esattamente alla vigilia della prima guerra mondiale. La storia si svolge tra Inghilterra e Russia ed evidenzia i rapporti tra le aristocrazie dei due paesi in quell’epoca.

Si tratta di un romanzo storico che, oltre alla vicenda inventata, riporta fatti realmente accaduti e personaggi di rilevanza storica.

Tutto ruota intorno all’alleanza che il ministro Wiston Churchill vuole stringere con lo zar della Russia per affrontare la Germania in forte ascesa espansionistica.

Ma chi è l’uomo di Pietroburgo? Un anarchico rivoluzionario che cercherà in tutti  modi di far saltare l’accordo.

Riuscirà la polizia inglese a catturare questo pericoloso criminale?

Il libro non è solo fatto di intrighi di interessi politici; le vicende che coinvolgono i personaggi fanno emergere soprattutto i sentimenti. L’odio, l’amore, i risentimenti e le passioni sono i veri protagonisti.

L'articolo prosegue subito dopo

Il lettore non potrà che restare accattivato dai numerosi colpi di scena che si susseguono, rimanendo fino all’ultimo col fiato sospeso.

Leggi anche

About Manuela Margilio 55 Articoli
Sono laureata in giurisprudenza e amo scrivere su questioni relative al diritto e fisco; mi piace leggere e mi dedico alle recensioni. Scrivere sul web è una delle mie passioni che mi consente di essere sempre aggiornata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*