Km auto usate: come non farsi truffare

Motori

Km auto usate: come non farsi truffare

auto usate
Come scampare alle truppe del chilometraggio.

Come non farsi fregare dalla truffa del chilometraggio. Ecco qualche semplice consiglio per procedere all'acquisto di auto usate in buono stato.

Le auto usate rappresentano un mercato vivo in tutto il territorio nazionale. Spesso di seconda, di terza e spesso anche oltre, alle auto usate ricorrono sempre più persone.

La continua crescita del settore relativo alle auto usate sembra non arrestarsi per vari motivi. Tra questi possiamo considerare la sempre più crescente smania che porta a cambiare ogni tre per due un modello auto.

E’ bene prendere tutte le dovute accortezze in caso siamo intenzionati all’acquisto di una macchina. Altro fattore fondamentale è non avere fretta. La fretta è spesso indice di fallimento, e in caso di un acquisto impegnativo come l’auto bisognerà armarsi di pazienza, e perlustrare le varie offerte. Il momento ideale per visionare la vettura, si addice al giorno. Momento di piena luce che permette di visionare il veicolo in maniera ottimale.

Ma vediamo di seguito quali sono le principali accortezze per concludere l’acquisto senza ricevere fregature!

Perché scegliere l’usato?

Indubbiamente la scelta dell’usato comporta una decisione di tipo principalmente economico.

Infatti il mercato di auto usato permette costi ridotti anche di molto. Si parla di vere e proprie occasioni. Oppure in caso di persone neopatentate la scelta potrebbe essere quella di privilegiare l’usato per fare pratica.

Da chi comprare

Le opzioni principali sono tre. Vi potrete rivolgere a un privato, ad un rivenditore oppure ad un’azienda. Per quanto riguarda l’azienda vi garantirà maggior sicurezza rispetto agli altri due, ma i costi saranno alti. In caso in cui vi rivolgerete ad un rivenditore, le cose si complicano. Ci sono rivenditori seri e altri un po’ meno, in cui si può incorrere nelle spiacevoli sorprese del contachilometri manomesso. Nel caso delle aziende questo problema non persiste, poiché le aziende generalmente tengono a garantire professionalità al cliente. Nel caso dei rivenditori invece questo tipo di garanzia non è assoluta. A tutela del cliente viene fornita semplicemente una garanzia, generalmente di due anni, che permette il cambio o la riparazione in caso di problemi.

Per quanto riguarda il prezzo, in questo caso il prezzo diminuisce, spesso anche di molto, rispetto a quello richiesto dall’azienda. Ovvio anche che l’azienda offre all’acquirente del veicolo una garanzia certificata di ben 12 mesi.

In caso in cui, invece, facciamo riferimento ad un privato, ovviamo completamente il problema della manomissione del contachilometri, ma non abbiamo garanzia alcuna. E questo comporta dei possibili rischi, circa lo stato effettivo del mezzo. Dall’altra parte però, risparmierete notevolmente sul costo di acquisto. E’ un rischio che chi magari è dotato di un occhio clinico maggiore potrebbe incorrere.

Visionare le auto usate prima dell’acquisto

Innanzi tutto è bene procedere a una visita all’auto, per verificarne le condizioni, almeno quello controllabili in un primo momento. Quindi occhio alla carrozzeria, ai vari segni sul telaio, agli interni, alle condizioni di pulizia in cui verte l’auto. E’ bene anche controllare il vano motore per accertarsi che sia in buona condizioni.

Il seconda passaggio precedente l’acquisto dell’auto usate consiste nel verificare con più attenzione se a livello di motore e componenti siano presenti delle saldature.

Queste potrebbero essere segno di tamponamenti e incidenti a cui l’auto è stata soggetta.

Salite poi a bordo e supervisionate tutto ciò che può essere controllato nell’abitacolo interno. Quindi passate in rassegna la postazione di guida, e assicuratevi che tutti i tasti per la segnaletica e per l’avviso al guidatore siano funzionanti ed efficienti. Passate in rassegna anche i dispositivi secondari, come la radio, il climatizzatore e i vari dispositivi che azionano sensori e altri strumenti.

E’ possibile inoltre, tramite il versamento di una piccola quota al PRA, fare una ricerca sulla targa del veicolo. Altrettanto importante se si vuole effettuare un buon acquisto.

Documenti che non devono mancare

Arriviamo così alla documentazione, forse una delle questioni più importanti relative al passaggio dell’auto, e per l’acquisto di auto usate. Infatti dovrete assicurarvi che l’auto che siete intenzionati a fare vostra abbia libretto di circolazione, aggiornato delle ultime revisioni, il certificato di proprietà e il libretto contenente i vari tagliandi.

I tagliandi che sono contenuti nel libretto, sono fondamentali per evitare le spiacevoli fregature relative al chilometraggio alterato, di cui sopra.

Per ovviare a questo problema difatti, bisognerà armarsi di pazienza e controllare tagliando per tagliando il chilometraggio fatto e il tempo trascorso. In caso ci fosse qualcosa che non tornasse dovrebbe scattare il campanello di allarme. Il consiglio è di andare sempre con un amico meccanico, o con il proprio meccanico di fiducia. Questo infatti con occhio critico riuscirebbe a riscontrare la magagna e risolverla. La questione non risalta subito all’occhio, e se la documentazione, per i più disparati motivi, non dovesse essere presente, si potrebbe far affidamento alla condizione degli interni.

Indicatori di usura

Il volante e i pedali, dovrebbero dare un’idea abbastanza aleatoria, più che dell’età, del chilometraggio e dell’uso che ne è stato fatto dell’auto. Stesso discorso riguarda i sedili, che però possono essere oggetto di ricondizionamento e quindi indicatori non affidabili al 100%.

Non dimenticate la cinghia!

Fate attenzione anche alla cinghia. Questa infatti viene di norma sostituita dopo un chilometraggio pari a 100.000/ 120.000 km.

In caso che l’auto usata si aggiri intorno a questa cifra, chiedete cortesemente la sostituzione della stessa, che altrimenti spetterà a voi di lì a poche settimane.

Risarcimento?

In caso siete soggetti di auto manomesse nel chilometraggio, purtroppo non sono previsti dei risarcimento e non si ricade nemmeno nel penale. L’unica soluzione che vi si presenta è richiedere uno sconto sull’auto. Si potrebbe dire che oltre il danno anche la beffa! E’ una spiacevole notizia anche sul versante sicurezza. Oltre a recare possibili danni al guidatore infatti, un auto del genere potrebbe creare problemi anche agli altri, poiché le prestazioni non saranno eccellenti.

Perciò, per un acquisto di auto usate ottimale bisognerà che vi armate di tanta pazienza, e magari anche di un amico meccanico che vi assista nella scelta, in modo da compiere la migliore tra le possibili. Cercate di valutare più soluzioni possibili, e costringetevi in caso di pigrizia ad andare a visionare il modello. Solo così avrete un’idea effettivamente concreta di ciò che stato portando a casa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...