Krasic allo Zenit: si può fare - Notizie.it

Krasic allo Zenit: si può fare

Calcio

Krasic allo Zenit: si può fare

Due settimane dopo la chiusura del mercato, c’è chi ancora pensa a vendere e, anzi, non ci pensa su due volte se si presentasse l’opportunità. Il riferimento è alla Juventus che vede avvicinarsi sempre di più la possibilità che Milos Krasic abbandoni Torino per trasferirsi allo Zenit San Pietroburgo, ovvero quanto di meglio (propaganda dell’Anzhi a parte) offra in questo momento il campionato russo. Attualmente la Russian Premier League è ferma per la sosta invernale, dopo la decisione di uniformare il calendario stagionale a quello degli altri principali campionati europei: pertanto la chiusura è prevista per aprile inoltrato e di conseguenza il mercato rimarrà aperto fino al 24 febbraio. Ancora otto giorni di attesa quindi ma Luciano Spalletti ha aperto le porte all’ala bianconera. Ma ad una condizione: che l’affare si faccia solo in prestito. “Se la Juve vorrà cederci il giocatore in prestito se ne può parlare – ha detto Spalletti a Sky Sport 24 -, altrimenti no perché al momento non siamo intenzionati ad acquistarlo.

Potrebbe darci una mano fin da subito visto che conosce già il campionato russo (la Juve lo acquistò nell’estate 2010 dal Cska Mosca, ndr): vedremo”.

Di parere contrario il rappresentante italiano di Krasic, Vlado Borozan: “Sono stanco di ripetere le stesse cose: al momento non c’è nessuna trattativa per Milos”. Sarà ma la Juve, non disposta a svalutare ulteriormente un giocatore pagato 15 milioni sedici mesi fa, accetterebbe al volo anche un prestito secco se servisse per rilanciare le quotazioni del giocatore. Ed allora chissà se succederà proprio quanto detto da Spalletti: parole da manager consumato da parte di chi è ormai parte integrante del progetto Zenit: perfettamente integrato in città, idolo dei tifosi, Spalletti è fresco di rinnovo e sembra pronto ad aprire un ciclo vincente anche in Europa anche se il 3-2 dell’andata degli ottavi di Champions contro il Benfica mette a rischio la qualificazione. “Sono soddisfatto comunque, avevamo delle assenze ma abbiamo dimostrato carattere: e poi c’era un freddo assurdo”.

Di piccola impresa comunque si tratta visto che lo Zenit ha imposto alle Aquile la prima sconfitta stagionale di una stagione fin qui memorabile. Krasic al ritorno non ci sarebbe comunque, essendo già chiuse le liste Champions. Ma la Russia potrebbe essere il campionato giusto per il riscatto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche