L’addio di Paolillo

Inter

L’addio di Paolillo

Ernesto Paolillo è ormai l’ex amministratore delegato dell’Inter, con una lettera apparsa sul sito dell’inter qualche giorno fa il dirigente rassegnava un poco a sorpresa le sue dimissioni.

Nella lettera Paolillo ringraziava il presidente Moratti e tutta la sua famiglia, unitamente ai collaboratori della società nerazzurra, per le opportunità di crescita e per i successi.

Paolillo spiegava altresì che nel suo modo di intendere la vita questa era fatta di cicli e il dirigente considerava ormai concluso il suo ciclo all’Inter.

Solo qualche giono prima Paolillo aveva spiegato che il suo incarico all’Inter sarebbe proseguito con incarichi diversi, dato il recente arrivo di Marco Fassone, nuovo direttore generale ma che avrebbe ricoperto de facto gli stessi incarichi di Paolillo.

Fassone ha lavorato nel Napoli di De Laurentiis e poi nella Juventus; nella società torinese era il direttore esecutivo area stadio, marketing e vendite, è stato uno dei promotori del progetto dello Juventus Stadium, il nuovo stadio juventino di proprietà della società.

In quest’ottica si può forse cogliere la volontà del presidente Moratti di voler dotare l’Inter di uno stadio di proprietà; un desiderio coltivato da tempo, solo qualche anno fa infatti si ipotizzava uno stadio in zona Malpensa.

La voce del nuovo stadio ha ripreso forza in questi giorni, si vocifera infatti di un supporto cinese, probabilmente l’esperienza di Fassone è stata considerata necessaria per questo nuovo scenario.

Oltre a questi progetti però Fassone avrà il compito, non agevole, di ricreare i presupposti, insieme a Branca ed Ausilio, per permettere l’apertura di un nuovo ciclo assieme all’allenatore mr.

Stramaccioni.

Cereda Stefano

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...
Stefano Cereda 439 Articoli
Laureato in Scienze Storiche all'Università Statale di Milano, relatore in un convegno patrocinato dalla Provincia di Lecco sui 150 anni dell'Unità d'Italia, per il medesimo convegno autore di un saggio sul Risorgimento.