L’affaire Giovinco COMMENTA  

L’affaire Giovinco COMMENTA  

 

Queste le parole del presidente del Parma Ghirardi ai microfoni di Sky : L’interesse dell’Inter per Giovinco è reale. A breve ci vedremo con la Juve e valuteremo la situazione. Non è da nascondere il gradimento dei nerazzurri nei confronti del ragazzo, d’altronde Giovinco è un giocatore importante che ha fatto 15 gol e 15 assist in campionato e che ora sta facendo un Europeo da protagonista. E’ un orgoglio per lui e anche per noi“.

Come dobbiamo leggere le parole del patron gialloblu ? Astuta mossa per alzare il valore del cartellino di Giovinco, in ogni caso sia Juventus che Inter ora si ritrovano nella scomoda situazione di dover valutare attentamente la situazione.


La Juventus non può correre il rischio di rafforzare una concorrente per lo scudetto, ma non può nemmeno svenarsi per acquistare un giocatore che non intende utilizzare o che comunque non rientra nei piani dell’allenatore.


Medesimo discorso per l’Inter, quindi l’unica società che trarrebbe profitto da questa guerra è proprio il arma che potrebbe ricavare denaro liquido per obiettivi di mercato oppure riuscire a tenersi un giocatore che comunque ha sempre disputato una buona stagione e che se dovesse confermare le attese potrebbe essere messo sul mercato per realizzare un “tesoretto” dalla sua cessione.


Altra ipotesi è che la comproprietà fra Parma e Juve si possa risolvere alle buste, nel qual caso, Moratti potrebbe aiutare il Parma e acquistare poi definitivamente il giocatore.

L'articolo prosegue subito dopo


La formica atomica sembra godere ormai di un discreto credito, Stramaccioni potrebbe poi riuscire a valorizzare il giocatore, fermo restando che fondamentale sarebbe anche il parere dello stesso Giovinco.

Cereda Stefano

 

Leggi anche

About Stefano Cereda 439 Articoli
Laureato in Scienze Storiche all'Università Statale di Milano, relatore in un convegno patrocinato dalla Provincia di Lecco sui 150 anni dell'Unità d'Italia, per il medesimo convegno autore di un saggio sul Risorgimento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*