L’affaire Guarin COMMENTA  

L’affaire Guarin COMMENTA  

Guarin era arrivato l’anno scorso a Milano dal Porto, il giocatore era infortunato, lo staff medico nerazzurro lo aveva quindi seguito attentamente nella cura e riabilitazione e lo aveva restituito ai campi di gioco.


Le prime uscite erano state incoraggianti e si pensava che sarebbe diventato un giocatore fondamentale nella nuova Inter che andava lentamente nascendo; da giocatore fondamentale però il colombiano sta ora diventando un oggetto misterioso.


Ci sono state alcune prestazioni interlocutorie, poi il nuovo assetto tattico voluto da Stramaccioni lo ha un poco allontanato dall’undici titolare confinandolo a volte in panchina; il problema è diventato ora anche psicologico.


Guarin si sente sotto esame, entrando a partita in corso non riesce a rendere come vorrebbe e il suo rendimento risulta inferiore alle aspettative; ora tocca a mr. Stramaccioni cercare di far capire al giocatore che il suo apporto è decisivo e che l’Inter si aspetta molto da lui.

L'articolo prosegue subito dopo


Anche la sua ultima prestazione contro il Partizan non ha mostrato il vero Guarin, il giocatore che i tifosi e Stramaccioni vogliono vedere in campo, però il campionato è ancora lungo e l’Inter ha bisogno del vero Guarin, ora la squadra nerazzurra è attesa da un trittico di partite impegnative: trasferta a Bologna, Sampdoria in casa e nuova trasferta a Torino contro la Juventus, il tutto in 7 giorni.

Il turnover è d’obbligo e tutti devono collaborare per ottenere dei risultati.

Cereda Stefano

Leggi anche

About Stefano Cereda 439 Articoli
Laureato in Scienze Storiche all'Università Statale di Milano, relatore in un convegno patrocinato dalla Provincia di Lecco sui 150 anni dell'Unità d'Italia, per il medesimo convegno autore di un saggio sul Risorgimento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*