L’editoria tradizionale non è in crisi: boom di librerie online

Catania

L’editoria tradizionale non è in crisi: boom di librerie online

Altro che crisi. “E’ ora di fare chiarezza: a leggere i giornali, a sentire pareri e opinioni anche eminenti, il nostro sembrerebbe un mercato finito, autoreferenziale, con l’e-book che sta affondando progressivamente il libro di carta, con prodotti con prezzi esorbitanti, pure più cari che nel resto d’Europa, oggi “affossato” dall’approvazione della cosiddetta Legge Levi e ancorato a vecchi schemi come quelli della tutela del diritto d’autore. Bene, non è così e le cifre che presentiamo lo dimostrano”.
Parole del presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE), Marco Polillo, che dalla 63ma edizione della Fiera internazionale del Libro di Francoforte, lancia un monito e un avvertimento chiaro: l’editoria tradizionale tiene ancora il passo, altro che e-book. Non è un mercato in crisi, anzi.

Mercato tiene il passo. I dati sono esplicativi. La situazione italiana è migliorata nel 2010 ma con segnali di allarme che incombono sul 2011. Crescono (meno del previsto) gli e-book – Ha ripreso a crescere, dopo due anni in flessione, il giro d’affari del settore librario (+0,3%), pur con segnali di allarme sul 2011 (la sintesi del Rapporto è in allegato). Cresce la lettura degli italiani, che raggiungono quota 26,4milioni (+ 1,7 punti percentuali sul 2009). Nasce nel 2010 e cresce nel 2011 anche il mercato degli e-book, sia in termini di titoli (erano 1.619 quelli in italiano a gennaio 2010, sono circa 18mila ora) che di fatturato, che si stima abbia raggiunto gli 1,5 milioni di euro a dicembre 2010 per raddoppiare (si stima che arriverà a 3-4 milioni) a fine 2011.

Rappresenta una quota ancora piccola del mercato complessivo (0,04%), meno della metà delle stime iniziali. E si trova ora a scontare anche la maggiorazione dell’Iva al 21%. Ma il mercato italiano degli e-Book esiste, compie il suo primo anni di vita e non potrà che svilupparsi: sono quasi 19mila i titoli contro i 6mila di dicembre 2010. Di conseguenza, crescono le librerie, specie quelle online.

Prezzi libri italiani. Secondo una ricerca dell’ufficio studi di AIE sul prezzo medio di copertina di tutta la produzione (esclusi i libri scolastici) rilevata da IE-Informazioni editoriali nel 2010 il prezzo-medio dei libri in Italia si aggira sui 21,63 euro (+1,5% sull’anno precedente). Con i prezzi fermi ancora al 2005. Soprattutto il confronto con altri paesi europei evidenzia che quelli italiani sono i più economici. “Se si prendono in considerazione titoli identici, in classifica, pubblicati in edizione hard cover nei cinque grandi mercati continentali si vede chiaramente come il prezzo medio in Italia sia ancora una volta il più basso: 19,80 euro vs 20,65 di UK, 21,75 di Francia.

ecc”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*