L’Automobile Club Cuneo organizza controlli gratuiti dell’udito per gli automobilisti COMMENTA  

L’Automobile Club Cuneo organizza controlli gratuiti dell’udito per gli automobilisti COMMENTA  

Cuneo – Si chiama “AscoltAci bene”. È la nuova campagna di sensibilizzazione dell’Automobile Club di Cuneo in collaborazione con i centri acustici Audibel, il cui scopo è promuovere la sicurezza stradale attraverso la prevenzione e cura delle malattie dell’udito. L’iniziativa consentirà agli automobilisti di sottoporsi al controllo gratuito dell’udito per una guida più sicura. Le visite partiranno questo mese di febbraio presso tutte le delegazioni Aci della provincia di Cuneo secondo orari e date prestabilite. Per ulteriori informazioni contattare il numero 0171/440020-21.

Leggi anche: Etna, allarme della Coldiretti: ‘Ingenti i danni della cenere vulcanica sulla raccolta di arance’

“L’impegno sociale dell’Automobile Club Cuneo è diretto anche alla realizzazione di progetti di prevenzione a tutela della salute, in particolare nella terza e quarta età, in collaborazione con operatori specializzati nel settore – afferma il direttore dell’Automobile Club di Cuneo, Giuseppe De Masi -. A tal proposito, Automobile Club Cuneo e Audibel hanno dato il via alla campagna di guida sicura attraverso la prevenzione delle malattie dell’udito destinata a tutti gli automobilisti che potranno così sottoporsi gratuitamente al controllo dell’udito presso tutte le nostre delegazioni”.

Leggi anche: Il Time premia Angela Merkel come personaggio dell’anno

Il fattore umano è universalmente considerato come la causa più frequente degli incidenti stradali e in quest’ambito giocano un ruolo fondamentale i deficit sensoriali (udito e vista) e il grado di vigilanza e attenzione alla guida. Alla luce di questi dati è evidente che una rilevante quota di persone munite di patente di guida e circolante su strada ha problemi uditivi. L’assenza di consapevolezza di queste patologie, che spesso sono associate ad altri deficit (visivi, di vigilanza/attenzione) causa ogni anno il 30% degli incidenti stradali che si registrano in Italia.

I deficit uditivi insorgono generalmente dopo i 60 anni, ma il 50% delle persone che ne soffrono è convinto di non aver alcun problema. Il dato esce da una recente ricerca medica, condotta a livello nazionale, dalla Clinica Otorinolaringoiatria dell’Ospedale Molinette di Torino. A complicare il quadro emerso dallo studio, esiste un altro elemento: una percentuale compresa tra il 15% e il 16% del campione preso in esame, tutti con problemi di udito presenta anche problemi di sonnolenza, alterazioni dello stato di vigilanza (tra il 6,9% e il 24,7%) e un’alterazione della soglia di attenzione (tra il 5,5% e il 8,8%).

L'articolo prosegue subito dopo


Queste le date degli screening audiologici previsti nelle delegazioni Aci della provincia:
Sede Aci Cuneo (piazza Europa 5): 18 febbraio, 18 marzo, 15 aprile, 20 maggio, 17 giugno, 15 luglio dalle 14.30 alle 17.
Delegazione Aci Alba (piazza Cristo Re 3/c): 19 febbraio, 16 aprile, 18 giugno dalle 9 alle 12.30.
Delegazione Aci Bra (via Sarti 7): 21 febbraio, 18 aprile, 20 giugno dalle 9 alle 12.30.
Delegazione Aci Fossano (via Marconi 90): 25 febbraio, 22 aprile, 24 giugno dalle 15 alle 17.
Delegazione Aci Racconigi (via Principe Amedeo 15): 25 febbraio, 22 aprile, 24 giugno dalle 9 alle 12.30.

Leggi anche

sorpresine-kinder_per-il-britannico-the-sun-le-confezionano-i-bambini
News

Sorpresine Kinder: per il britannico The Sun le confezionano i bambini

Inchiesta giornalistica GB rivela cosa sta dietro i giocattoli miniaturizzati negli ovetti: famiglie rumene costrette a far lavorare anche i figli minorenni Un velo di tristezza ammanta le sorpresine Kinder contenute nei famosi ovetti che, normalmente, sono destinati a donare gioia ai bambini, dopo l’inchiesta portata avanti dalla redazione del quotidiano britannico The Sun: secondo il prestigioso giornale, infatti, la Ferrero commissionerebbe la confezione degli oggettini da inserire nelle famose uova di cioccolato ad un’azienda rumena, la Romexa, che a sua volta subappalterebbe il lavoro alla Prolegis. Quest’ultima affiderebbe poi la preparazione manuale dei mini giocattoli a delle famiglie in Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*