La biblioteca della favela - Notizie.it

La biblioteca della favela

Cultura

La biblioteca della favela

 

Ricardo Gomes Ferraz per tutti Kcal, 38 anni, poeta, musicista, oggi personaggio pubblico, cresciuto in una favela poverissima del Brasile è l’artefice dio un’avventura culturale senza precedenti : creare dal nulla e con mezzi di fortuna una biblioteca per ragazzi : la Livroteca os Guardioes a Nord- Est del Paese.

Nato qui in una famiglia dove i 6 fratelli hanno tutti padri diversi, Kcal a 16 anni scopre un libro A Mao e a Luva di Machado de Assis e quella scoperta gli cambierà per sempre la vita. Inizia a comprare libri, con ogni espediente data la sua povertà, inizia a “trafficare con i libri”, li legge, li ama, e trasforma giorno dopo giorno la sua casa in una biblioteca. Prima oggetto di curiosità, oggi luogo super frequentato.

Ha la capacità di attirare i bambini, grazie anche al fatto di essere padre di 2 piccoli, la moglie gestisce un baretto all’interno della favela. Non
dimentichiamoci che siamo in un posto in cui il tasso di abbandono della scuola supera il 60%.

Il suo moto è “Sono un trafficante ma ho scelto una droga che dà la libertà, non la toglie.

Sono convinto che la più grande schiavitù sia l’ignoranza”.

Nel 2008 Kcal vince il premio sociale Faz Diferença (vinto nel 2003 da Lula da Silva divenuto poi presidente del Brasile). Il ministro della Cultura ha apprezzato il lavoro di Kcal tanto che ha finanziato e allestito una nuova Livroteca Comunitaria Brincante do Pina il primo punto di lettura all’interno di una favela in Brasile: inaugurata nel 2009 oggi conta 650 libri 1 pc sedie,scaffali e tutto quello che occorre.

Il governo brasiliano si è spinto oltre approvando un progetto che preveda l’apertura di ben 514 punti di lettura nelle favela per un Rinascimento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

suora
Cultura

Quali sono i ruoli di una suora?

22 ottobre 2017 di Notizie

Oltre a pregare, una suora deve offrire aiuto e ospitalità ai bisognosi e può svolgere compiti educativi e di sostegno al monastero e alla comunità.