La Birra Guinness diventa ‘vegana’: niente più colla di pesce per filtrare COMMENTA  

La Birra Guinness diventa ‘vegana’: niente più colla di pesce per filtrare COMMENTA  

La Birra Guinness svolta per rimanere al passo con i tempi. In futuro non produrrà più la classica bevanda usando colla di pesce, anche per venire incontro alle esigenze dei vegani.

Il birrificio irlandese che vanta 256 anni di storia, ha confermato, mediante un proprio portavoce, che in futuro adotterà una sorta di filtro ‘vegan-friendly‘ per far si che la propria birra sia sempre più salutare e alla portata di tutti: ‘Stiamo facendo degli sforzi per migliorare ulteriormente i nostri prodotti’ – ha dichiarato il portavoce al Times di Londra, confermando l’intenzione di rimuovere la colla di pesce dagli ingredienti.

Si tratta di una sostanza molto utilizzata da chi produce birra che viene estratta dalla vescica natatoria dei pesci, che non verrà più utilizzata, venendo incontro anche alle battaglie condotte da tempo dagli animalisti sui social network. 

L’uso della colla di pesce per fabbricare birra, è iniziato all’inizio del diciannovesimo secolo.

Gran parte del prodotto di origine animale viene filtrato nel processo di fermentazione, ma anche se in quantità modesta, ne rimangono tracce sul prodotto finito, non rendendolo totalmente privo di tracce di origine animale.

L'articolo prosegue subito dopo

La svolta della Birra Guinness, partirà nel 2016, quando la Guinness innoverà la propria linea di produzione, sostituendo la colla di pesce (funzionale al processo di filtraggio) con alternative vegane come la carragenina, la pectina o l’agar-agar che svolgono le stesse funzioni senza intaccare il processo di lavorazione. Fra l’altro, afferma il portavoce della Guinness, la presenza della colla di pesce non influenza minimamente il sapore della ‘bionda’ e per questo le modifiche non comporteranno un’alterazione del gusto.

La petizione su Charge.org

La decisione è stata presa anche dopo la pubblicazione della petizione su Charge.org, affinchè il vecchio metodo venga sostituito da tutte le aziende che producono birra: ‘Se la Guinness – si legge sul sito – dovesse apertamente diventare vegan friendly aumenterà la popolarità del suo marchio’.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*