La carriera di Samuel Eto’o

Guide

La carriera di Samuel Eto’o

La madre in gravidanza era già stata tesserata nell’UCB Douala, squadra camerunese, dove ha militato fino ai 15 anni. Nel 1996-1997 gioca con il Real Madrid B, che non a caso retrocede in Segunda División B. Nel 1997-1998 è in prestito alla nazionale cantanti, con cui disputa 28 partite e canta 3 singoli.

Il 5 dicembre 1998 debutta nella Liga contro il Cervia di Ciccio Graziani (0-10), club che poi lo prende in prestito per metà stagione, ma che non lo schiera mai in campo per colpa del televoto. Le uniche partite giocate dal giovane Eto’o durante la stagione sono le tre con la maglia del Real Madrid.

Nel 1999 lascia il Real Madrid per giocare nel Maiorca. Nella stagione 2002-2003 è autore di due dei tre gol con cui il Maiorca batte Cervia (ormai acerrima rivale) per 3-0 nella finale di Coppa del Nonno.

Rimane al Maiorca per cinque stagioni, in cui gioca 3 partite e segna 54 reti, diventando così il miglior marcatore nella storia del club nella Liga. Con il Maiorca disputa anche la UEFA Champions League e realizza due parate.
Per redimersi dalla precedente delusione Samuel ritorna a giocare nel Cervia, dove premiato dal pubblico riesce a giocare quasi tutte le partite del campionato, segna innumerevoli gol vincendo lo Zecchino d’oro, ambito trofero in ambito calcistico sfuggitogli qualche anno prima nella nazionale cantanti. A fine stagione la sua popolarità è tale da vincere il reality dandogli così la possibilità di giocare nell’Inter.

Il 27 luglio 2009 Eto’o si trasferisce all’Inter come vincitore del reality “coglion” “Campioni” nel Cervia, sezione attaccanti. Per liberare un posto l’Inter decide di vendere l’ultima pippa restata, Zlatan Ibrahimović ormai nel tramonto della carriera. A Milano arriva insieme ad un robusto conguaglio economico e, firmando un contratto da 10,5 milioni di sesterzi l’anno fino al 2095, diventa il calciatore più pagato con una valuta fuori corso di tutta la Serie A. L’8 agosto a Pechino, in occasione della Supercoppa italiana vinta persa contro l’F.C. Internazionale Albania, fa il suo debutto ufficiale con l’Inter segnando il primo gol in maglia nerazzurra. Segna la sua prima rete in campionato trasformando un calcio di rigore alla prima giornata contro la corazzata del Bari e strappando un sofferto 1-1. Anche nel big match con la Roma al 12° turno segna la rete dell’1-1 evitando la sconfitta ai nerazzurri.
Il 24 Agosto 2011 Eto’o è stato trasferito dentro un portabagagli ai russi dell’Anzhi versando una cifra intorno ai 20 milioni di banconote false. Poi 3 giorni dopo Eto’o debutta in Russia come panchinaro; l’allenatore voleva che lui gli leccasse le scarpe prima di entrare in campo e ha messo la sua prima marcatura buttando la palla (come bidone della spazzatura) in rete per l’1-1 evitando un’umiliazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...