La coperta a coda di sirena è il regalo di Natale che farà felici le ragazze (e non solo) COMMENTA  

La coperta a coda di sirena è il regalo di Natale che farà felici le ragazze (e non solo) COMMENTA  

Sta arrivando l’inverno gelido, che porta inevitabilmente con sé uno dei problemi più annosi dell’uomo moderno: i piedi freddi, impossibili da riscaldare. Già che siamo nel periodo dei regali di Natale, vi proponiamo quello più tenero, che farà felici le vostre figlie femmine e le ragazze di tutte le età (ma pure i ragazzi, basta che abbiano una buona dose d’autoironia).

Si tratta della coperta a coda di pesce, per far diventare chi la indossa una vera e propria sirena. Sì perché è formata da una parte di lana (o acrilico) di forma conica, che si chiude nella parte bassa e che può essere indossata dalla vita in giù. Nella sua estremità, due pinne dello stesso materiale, che trasformano chi la indossa nella perfetta sirena.


Praticamente un’enorme tasca calda che è sia un costume, sia un bozzolo in cui mettere le gambe per spaparanzarsi sul divano o sul letto e guardare la tv oppure leggere un libro. D’altra parte, esiste una ragazzina (di ogni età) che non abbia sognato almeno una volta di essere come Ariel de La Sirenetta?

Il regalo diventa ancora più bello nella versione per neonati. Guardate la foto qui sotto, quanto sono spettacolari le bambine di pochi mesi con la coda da sirena. Da struggersi di tenerezza.


Vi abbiamo convinto vero? La coda dei desideri si compra già fatta su Amazon in vari materiali e colori, oppure su Ebay. Se invece la volete più artigianale, potete farvi un giro sui negozi di Etsy, ce n’è per tutti i gusti. Nel caso invece decidiate di farla a mano, coi ferri e tutto il resto, potete scaricare il pattern per crearla del colore che più vi pare, coi materiali che scegliete voi.


Intanto fatevi venire gli occhi a cuore con queste foto.

1-2-500x600 il_570xN.804733001_smgc-1 il_570xN.815704567_kc7q Mermaid-Crochet-Projects-550x550 mermaid-tail-blanket-0-680x635

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*