La crisi della Sanità

Roma

La crisi della Sanità

Uno dei temi più scottanti di questi giorni riguarda la crisi della Sanità, colpita dai tagli pesanti architettati dalla mente diabolica di Bondi con la spending review, con il benestare del governo dei “privatizzatori”

Il premier Monti qualche giorno fa si era lasciato andare a commenti ,riguardo la sanità nel nostro paese, che lasciavano presagire infatti l’ideazione di un sistema all’americana, una specie di ibrido in cui le prestazioni diverrebbero parzialmente private.

Altra nota dolente riguarda invece le proteste dei dipendenti ospedalieri che reclamano, oltre al sacrosanto diritto/dovere di lavorare, anche i loro stipendi, che in qualche caso non vengono erogati da mesi.

In quest’ultimo caso il personale dell’IdI (Istituto dermatologico Italiano) di Roma del Gruppo San Raffaele Tosinvest e il personale del San Raffaele di Milano (HSR) sono scesi in lotta. Cortei, blocchi, sit in hanno coinvolto centinaia fra operatori e familiari.
Le scene che abbiamo visto sui media” non allineati”, sono state le stesse ovunque: dipendenti sopra i tetti, occupazioni, striscioni, e via discorrendo in cui si protesta a gran voce contro un piano di risanamento finanziario che taglia 242 posti di lavoro e relativi stipendi, professionalità e futuro rubato.


Eppure il gran vociare pare non abbia scosso l’opinione pubblica più di tanto, in un paese dove la ristrutturazione pesante di welfare ed occupazione macinano tragedie sociali e lavorative quotidianamente.
Bisogna aspettare tempi migliori o agire? Sperare ancora o deporre le armi di fronte alla caparbia insistenza di chi ci governa a vole a tutti i costi sottomettere i più deboli?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...