Cos’è la dieta di compenso

Cucina

Cos’è la dieta di compenso

La dieta per restare leggeri dopo le feste.

Contrastare gli eccessi dei gioni di festa è davvero semplice, con la dieta di compenso.

Il concetto di dieta di compenso si riferisce a una pratica abbastanza nota, elaborata da Pietro Migliaccio, presidente della Società italiana di scienza dell’alimentazione. Si tratta di un regime alimentare a limitato fabbisogno calorico (850/900 kcal) che aiuta il fisico a non risentire degli effetti delle abbuffate delle feste, favorendo il ripristino di un sano e regolare metabolismo. Per questo, è buona norma adottare la dieta di compenso nei tre giorni che precedono le feste e nei tre successivi, calcolando che in media nei giorni di festa si consumano da 1600 a oltre 2000 kcal quotidiane.

In fondo, con la dieta di compenso non si rinuncia completamente ai dolci, privandosi invece di pasta e riso. Sottrarre molti carboidrati è dunque il vero sacrificio, che tuttavia sarà ripagato dal potersi rimpinzare nei giorni di festa senza estenuanti sensi di colpa.

Per capire l’efficacia della dieta, si può pensare a uno schema di questo tipo: la colazione consiste in 150 gr di latte parzialmente scremato, con caffè d’orzo, un solo cucchiaio di miele o zucchero, due fette biscottate o due biscotti. A metà mattina, basta un frutto e del caffè. A pranzo 130 gr di pesce, verdure cotte e un panino da 40 gr. Spuntino leggero con succo o frutta a metà pomeriggio, e per concludere, una modesta cena a base di tonno sott’olio o formaggio magro (come ricotta o stracchino) accompagnato da insalata condita con un cucchiaio di olio.

I benefici della dieta di compenso sono legati alla presenza delle proteine vegetali, e a un giusto equilibrio fra carboidrati e vitamine, dal momento che verdure e legumi possono essere consumati in abbondanza. Alcuni accorgimenti riguardano la scelta di lenticchie, mandorle, e ceci. Fra le molte proprietà dei legumi ci sono infatti la buona digeribilità e una presenza importante di proteine, ottime alleate dell’organismo contro le malattie cardiovascolari. È inoltre consigliato un abbondante consumo di acqua, evitando le bibite dolci in commercio. Sì alle cotture alternative alla frittura (al forno, al cartoccio, al vapore e alla piastra). Le carni bianche sono preferibili alle rosse, mentre si suggerisce di condire le insalate e le verdure solo con olio extravergine d’oliva. Si può infine scegliere di sostituire una o due cene a base di carne con una fetta di pandoro o di colomba avanzata!

1 Trackback & Pingback

  1. Cos’è la dieta di compenso | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...