La dieta ideale della casalinga COMMENTA  

La dieta ideale della casalinga COMMENTA  

A ciascuno la sua dieta. Non esistono regimi dietetici che vadano bene per tutti, indistintamente. Prima di seguire una dieta è necessario capire bene quali siano le abitudini alimentari e le proprie esigenze. Inoltre, è importante fissare un regime dietetico partendo da come è organizzata la giornata e in base al lavoro che si svolge. Proviamo a capire qual è la tipologia di dieta migliore per una casalinga. La giornata di una casalinga è organizzata in base ai ritmi dei figli, piccoli o grandi che siano. Tra faccende domestiche e attività dei bambini, resta poco tempo da dedicare a se stessa e per questo spesso tende a scaricare le tensioni accumulate sul cibo, spesso in modo compulsivo e senza neppure accorgersene.


Al mattino la casalinga non fa colazione perché ha poco tempo, a pranzo finisce gli avanzi della sera prima mettendosi davanti alla televisione senza neppure sedersi a tavola, a metà pomeriggio fa la merenda insieme ai bambini, e mentre prepara la cena spilucca qualcosa di sostanzioso come salumi e pane. Il risultato di queste giornate in apparenza “light” è una dieta sbilanciata e disordinata: alla lunga gli errori alimentari si sommano appesantendo la linea.


Ecco gli accorgimenti da seguire per pianificare una giornata alimentare salutare, che permetta allo stesso tempo di vivere momenti piacevoli e rilassati con la famiglia.


1) Preparare già la sera prima la tavola della colazione, ma anche i vestiti e tutto ciò che serve ai bambini;

2) Dopo un primo pasto leggero, fare uno spuntino a metà mattina e un pranzo, stando seduta a tavola, a orari regolari. Da privilegiare verdure cotte o crude e, almeno 3-4 volta alla settimana, primi piatti veloci e gustosi preferendo il riso alla pasta;

3) Dopo le 16.30 evitare i carboidrati con un indice glicemico alto (pasta, pane, riso, pizza o biscotti e dolci in generale);

4) Per merenda scegliere una tisana con un frutto o uno yogurt, ottimi anche per i bambini;

5) A cena programmare un piatto di carne o pesce con verdure crude o cucinate con pochi grassi;

6) Abituarsi a fare piccoli pasti (colazione, spuntino, pranzo, merenda, cena) e concedersi un pranzo libero alla settimana, magari la domenica, da gustare con la famiglia.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*