La donna più brutta del mondo diventa una motivatrice COMMENTA  

La donna più brutta del mondo diventa una motivatrice COMMENTA  

222

E’ stata definita la donna più brutta del mondo in seguito alla diffusione su YouTube di un video che ne mostrava il volto all’età di 16 anni. Da allora sono passati otto anni e Lizzie Velaquez, la ragazza protagonista di quel video, ha deciso di ‘vendicarsi’ a modo suo. La giovane è molto magra in seguito a una rarissima forma generica che impedisce al suo corpo di accumulare peso, lasciandola praticamente scheletrica; inoltre è cieca nell’occhio destro.

Leggi anche: Ban Ki- Moon e il desiderio di una donna come prossimo segretario generale


Il video venne visto da milioni di persone, e fu accompagnato anche da commenti molto pesanti. Anche la stessa Lizzie vide il video e venne a conoscenza del terribile appellativo che le era stato assegnato. Dopo tante lacrime però ha deciso di reagire, come lei stessa racconta: “Ovviamente piansi tantissimo ed ero pronta a ribattere, ma qualcosa è scattato nella mia testa e ho pensato “Lascerò correre”. “Mi sono chiesta: Lascerò che le persone che mi hanno chiamata mostro mi definiscano? No, farò in modo che il mio successo e i miei traguardi siano le cose che mi definiscono”.

All’età di 24 anni Lizzie è diventata una motivational speaker, parla alle platee dando lezioni di amore e tolleranza. Dopo aver finito il liceo e conseguito la laurea, ha anche scritto due libri e oggi, senza alcuna paura o timore, sale su un palco per parlare a centinaia di persone. Tanto che un suo intervento dello scorso 20 dicembre, ha raggiunto oltre un milione di visitatori, ma questa volta odio e disprezzo sono scomparsi dai commenti, carichi di affetto e ammirazione per questa coraggiosa ragazza.

Leggi anche: Sognare di fare sesso, cosa significa


Leggi anche

attentato-terroristico-istanbul
Esteri

Attentato terroristico a Istanbul: autobomba vicino allo stadio, 13 morti

Ore di terrore a Istanbul per un attentato terroristico avvenuto vicino allo stadio della squadra di calcio Besiktas. Un'esplosione devastante, visibile a chilometri di distanza, quella provocata da un'autobomba diretta contro un bus di poliziotti anti-sommossa, che ha ucciso almeno 13 persone, ferendone a decine; si tratta di un bilancio ancora provvisorio che potrebbe peggiorare nelle prossime ore. Tutto è accaduto dopo la conclusione del match della massima divisione turca tra il Besiktas e il Bursarpor. Mentre i giornalisti erano impegnati nei commenti e nelle interviste del dopo partita si è sentita una fortissima esplosione, catturata anche in diretta tv. Leggi tutto

3 Commenti su La donna più brutta del mondo diventa una motivatrice

  1. per me non è un mostro è una ragazza che ha una malattia molto rara ma non mi fà pena le porto rispetto ed una ragazza intelligente

  2. ha scritto due libri si è laureata, insomma vorrei essere come lei, la bellezza è relativa, esiste solo la bellezza interiore, ma questo purtroppo la nostra sporca società non lo capisce sono ottusi, mi piacerebbe molto conoscerla

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*