La farfallina di Belen torna a Ciao Darwin, dov’è lo slip? COMMENTA  

La farfallina di Belen torna a Ciao Darwin, dov’è lo slip? COMMENTA  

Un ‘ritorno’ inaspettato a Ciao Darwin. Stiamo parlando dell’arcinota farfallina di Belen Rodriguez, comparsa a sorpresa durante la puntata di ieri all’inguine della ‘sosia’ di Belen che ha replicato la famosa scena della discesa dalla scalinata con la farfallina bene in vista, mandando in visibilio il pubblico maschile.

Leggi anche: Weekend con la famiglia per Belen

Del resto la sosia della rodriguez ha cercato di imitarla in tutto e per tutto, compresa la biancheria intima quasi inesistente, che il pubblico maschile ha avuto qualche difficoltà ad individuare: in effetti lo slip c’era ma ad un colpo d’occhio iniziale non lo si notava tanto che in molti su Twitter hanno pensato che non portasse le mutandine.

Leggi anche: Striscia, Belen fa pace Striscia. La showgirl conquista il 20esimo Tapiro

Invece la valletta di Bonolis, con uno spacco ancora più profondi di quello di Belen, si è mostrata in tutto il suo splendore ma con le parti intime coperte, con un siparietto divertente avvenuto durante la prova del viaggio nel tempo, quando le concorrenti erano state state chiamate a cercare di indovinare l’atmosfera della kermesse canora.

Leggi anche

chi-e-antonio-ornano-comico-zelig-2016
TV

Chi è Antonio Ornano, comico Zelig 2016

Usa a meraviglia da anni una grande proprietà di linguaggio per farci sganasciare dalle risate: Antonio Ornano ha una certa cultura e non ha paura di usarla Il suo personaggio più famoso fa il duro, ma poi chiama la moglie “crostatina”: Antonio Ornano è un altro talento comico messo in luce negli anni da Zelig e tornato “alla base” per le puntate-evento del ventennale della trasmissione tv di Canale 5. Il cabarettista è nato a La Spezia 44 anni fa, ma si è trasferito con la famiglia a Genova quando era ancora piccolo: tra un’abbuffata e l’altra di cibi fatti Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*